Riccardo Chailly riporta alla Scala Brecht e Weill