della serie: e chi se ne frega!

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Rispondi
Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28460
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da Tosca » 12 gen 2016 11:49

Sto meglio.
:mrgreen:
Grazie per l'interessamento.


Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da mascherpa » 12 gen 2016 11:51

Tosca ha scritto:Grazie per l'interessamento.
Frase da primadonna seccata...
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15902
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da il_bonazzo » 12 gen 2016 12:08

mascherpa ha scritto:
Tosca ha scritto:Grazie per l'interessamento.
Frase da primadonna seccata...
Peggio: da soprano in avanzata carriera che non fa dare l'annuncio di indisposizione prima di una recita e poi si lamenta se viene beccata dal loggione per una prestazione poco felice.
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28460
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da Tosca » 12 gen 2016 12:08

mascherpa ha scritto:
Tosca ha scritto:Grazie per l'interessamento.
Frase da primadonna seccata...
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da mascherpa » 12 gen 2016 12:11

il_bonazzo ha scritto:Peggio: da soprano in avanzata carriera...
Volevi dire da grande soprano in avanzata carriera, spero...
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15902
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da il_bonazzo » 12 gen 2016 12:13

mascherpa ha scritto:
il_bonazzo ha scritto:Peggio: da soprano in avanzata carriera...
Volevi dire da grande soprano in avanzata carriera, spero...
Ma certo: anzi, pregevole soprano.
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da mascherpa » 12 gen 2016 12:36

il_bonazzo ha scritto:
mascherpa ha scritto:
il_bonazzo ha scritto:Peggio: da soprano in avanzata carriera...
Volevi dire da grande soprano in avanzata carriera, spero...
Ma certo: anzi, pregevole soprano.
Come dicono a Verona, pézo el tacón del buso...
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15902
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da il_bonazzo » 12 gen 2016 14:46

mascherpa ha scritto: Come dicono a Verona, pézo el tacón del buso...
Vò fare ammenda: l'interessata mi perdonerà, spero.....
:|
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 15457
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da Tebaldiano » 12 gen 2016 18:07

Tosca ha scritto: Devo però precisare che alla mangalizza non ci siamo arrivati digiuni: dunque, da Praga a Budapest si prende un bel trenino con comodo vagone ristorante. Visto che staremo a bordo parecchio ore, decidiamo di spenderne alcune in tale vagone.
Mangiamo ciccia, ciccia di maiale, tanta ciccia di maiale. Con salsa di qualcosa che non ricordo cosa fosse. Buona.
Ci sono camerieri maschi molto bellini, inversamente proporzionale, come stazza, alla cameriere femmine finora trovate.
Accanto a noi siede una famiglia zingara: mori, ben vestiti, parlano sommessi. La ragazza giovane è molto bella, occhi grandi, pelle ambrata, capelli ricciuti.
Alle nostre spalle siede, invece, un gruppo di tre maschi che come mole ne fanno sei. I due più magri si pigiano in uno dei divanetti, il più grasso occupa da solo l'altro divanetto. Sul tavolo parecchi boccali di birra vuoti. Sommessi anche loro, mangiano, bevono e ridono.
Due tavoli avanti, di fronte a me, c'è una gnocca intellettuale con di fronte un maschio bianco sui trenta, ben piazzato con tshirt startandstripes che se la beve con gli occhi. Riconosciamo in lui il tipo che poco avanti era venuto a cercare posto nel nostro scompartimento, ci aveva lasciato lo zaino, rientrando dopo poco per riprenderselo: egli aveva cuccato al vagone ristorante e noi abbiamo assistito a tutta la cuccatura. Lui faceva letteralmente la ruota, evidentemente colpito dal fascino della cultura che emanava la tipa, al punto che ci aspettavamo che saltasse sul tavolo per farle la festa: sarebbe stato un colpo di teatro da nulla!
Al momento del conto il maschio ha letteralmente strappato dalle mani del cameriere lo scontrino, appallottolandolo con gesto plateale per impedire che la femmina lo vedesse, per poi ostentare, altrettanto platealmente, il pagamento.
Il Mask si sta, da allora, esercitando nel gesto, evidentemente spera che, prima o poi, potrebbe tornargli utile. Ma siccome lui era di spalle, e il gesto l'ho visto solo io, continuo a dirgli che deve perfezionarsi ...
Poi a una stazione il maschio è sceso, triste e scornato. Appena sceso la femmina ha telefonato a qualcuno, mettendosi a fare la svenevole. Fine della liason e considerazioni sulla volubilità femminile.
A quel punto il vagon restaurant ha perso di interesse; siamo tornati nello scompartimento dove, con grande gioia del Mask, si era insediata una femmina-bionda-giovane-belloccia, di Brno, parlava italiano molto ben; donna colta, andava a Budapest a ricevere il fidanzato svizzero per stare con lui un week end. La compagnia è stata piacevolissima e costeggiando la meravigliosa, grande ansa del Danubio, arriviamo quasi senza accorgersene a Pest. Buda è in alto; Pest in basso.

La Mangalizza (posta in un tegame rosso, di circa 30 cm di diametro) io NON l'ho mangiata, la mia è stata una cena vegetariana. Ecco. Ero illanguidita, vero, ma questo è uno stato di beatitudine. La casina di Budapest era bellissima, con soppalco. A Budapest si sta bene, ma bene bene ... :fame :te:
Immagine

Avatar utente
Morgana
Messaggi: 9617
Iscritto il: 02 lug 2006 11:00
Località: Milano

Re: della serie: e chi se ne frega!

Messaggio da Morgana » 12 gen 2016 18:13

:rider :rider Stupenda !!
-Gli occhi che cercano in fretta solo la destinazione del viaggio non possono gustare la dolcezza del vagabondaggio (Hesse)
-Per arrivare all'alba non c'è altra via che la notte (Gibran)

Rispondi