Da von Weber a Wagner...

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Da von Weber a Wagner...

Messaggio da mascherpa » 23 gen 2020 12:32

Vedo ora proprio dal programma di sala veneziano che ho inviato a "ZetaZeta", che una prima traduzione italiana del Freischütz era stata realizzata per Napoli (1823).

Come tutti sappiamo, Rossini era molto aperto alle novità e si può supporre che Donizetti, subentratogli proprio nella stagione 1822-23, non abbia fatto marcia indietro. Però mi riservo di verificare l'effettiva rappresentazione del titolo nella cronologia degli spettacoli del San Carlo, che ho in casa dove ora non sono, perché ricordavo d'aver letto da qualche parte che la prima italiana era stata quella della Pergola.

Ma se, come propendo a credere, il capolavoro di Weber era approdato al San Carlo già nel 1823, anche in questa faccenda Napoli precedette Milano e la Scala, e di quasi mezzo secolo (col Wozzeck la differenza si ridusse al minimo, ma non si rovesciò).


Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Da von Weber a Wagner...

Messaggio da mascherpa » 24 gen 2020 09:24

Iersera non ho trovato, nei miei volumi sul San Carlo, indicazione d'un Freischütz rappresentato nel 1823, ma la cronologia di quel periodo non è formalizzata e per concludere qualcosa si richiede una lettura in dettaglio.

Invece ho trovato la fonte del mio ricordo sulla "prima italiana" a Firenze (Pergola, 3 febbraio 1843): è il vecchio Dizionario dell'Opera Garzanti, versione italiana del New Oxford Concise Dictionary of Opera. Certamente si tratta di un lavoro che oggi diremmo pionieristico. D'altra parte, anche Michele Girardi mi sembra molto cauto nello scritto introduttivo al programma di sala veneziano del 2004: della prima traduzione italiana «fatta per il San Carlo di Napoli, sopravvivono un paio di copie manoscritte presso la biblioteca del Conservatorio di Napoli». Non dice se l'opera sia stata o no rappresentata; dai tempi di Manelli e Monteverdi, osservo io, uno spettacolo comporta la stampa del libretto.

Continuerò le ricerche, per mero diletto personale. Se un sabato mattina mi capita d'incontrare, evento non raro e sempre piacevole, Girardi al mercato del pesce di Rialto, non mancherò di chiedergli lumi e di riferirne.
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

ZetaZeta
Messaggi: 793
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Da von Weber a Wagner...

Messaggio da ZetaZeta » 24 gen 2020 18:29

mascherpa ha scritto:
24 gen 2020 09:24
Iersera non ho trovato, nei miei volumi sul San Carlo, indicazione d'un Freischütz rappresentato nel 1823, ma la cronologia di quel periodo non è formalizzata e per concludere qualcosa si richiede una lettura in dettaglio.

Invece ho trovato la fonte del mio ricordo sulla "prima italiana" a Firenze (Pergola, 3 febbraio 1843): è il vecchio Dizionario dell'Opera Garzanti, versione italiana del New Oxford Concise Dictionary of Opera. Certamente si tratta di un lavoro che oggi diremmo pionieristico. D'altra parte, anche Michele Girardi mi sembra molto cauto nello scritto introduttivo al programma di sala veneziano del 2004: della prima traduzione italiana «fatta per il San Carlo di Napoli, sopravvivono un paio di copie manoscritte presso la biblioteca del Conservatorio di Napoli». Non dice se l'opera sia stata o no rappresentata; dai tempi di Manelli e Monteverdi, osservo io, uno spettacolo comporta la stampa del libretto.

Continuerò le ricerche, per mero diletto personale. Se un sabato mattina mi capita d'incontrare, evento non raro e sempre piacevole, Girardi al mercato del pesce di Rialto, non mancherò di chiedergli lumi e di riferirne.
Grazie. Molto interessante, speriamo di svelare il mistero.

Rispondi