Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Rispondi
Avatar utente
marcob35
Messaggi: 887
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da marcob35 » 27 giu 2019 15:25

[tempo di lettura 3-5 minuti]

Corre usanza non leggere ciò che non aggrada, quello che si ritiene, vai!, persin demenziale, saccente, arrogante, presuntuoso e pretestuoso, polemico oltre ogni misura. Ergo-molti, qui ed altrove-hanno deciso che il bon ton non si addice a Paolo Isotta, e alla sua velenosa penna.
Il suo doppio addirittura necrologio su Zeffirelli basta ed avanza ad esemplificare [1] [2].

Non meno probante forse un altro articolo [3] ove il celeberrimo critico e musicologo riesce a condensare il proprio pensiero su tanti diversi momenti, fatti e personaggi dell'attualità d'opera: la Bartoli, Pereira, il prossimo Meyer, tutti i Teatri italiani, tutti (o quasi) i politici italici, sovrintendenti doc come il beneamato Chiarot a Firenze e forse qualcun altro e qualcosa d'ulteriore, deve esserci sfuggito.
Val la pena di leggerlo, adesso e sempre. Anche perché è troppo facile liquidare con aria di sufficienza chi-devi ammettere-tecnicamente nello specifico musicale, ne sa più di te e in quanto a cultura generale ti faresti tagliare un gioiello inguinale, per riuscire ad avere il di lui eloquio.
Tanto è vero che spesso non pochi "nemici" hanno ammesso di dover essere grati al dottor Isotta, per aver in tempi pregressi, loro illuminato su aspetti della storia musicale.

In fin dei conti, lui, "Tristano", ha insegnato dal 1971 al 1994 Storia della Musica ai Conservatori di Torino e Napoli e per 35 anni ha scritto sul CdS. Diplomato con Vincenzo Vitale e in composizione con Parodi e Dionisi. Quanti di coloro che scrivono e propongono le loro osservazioni qui e là, possono vantare simili titoli, che non siano piuttosto il primo corso del Pozzoli e sei mesi di armonia elementare, più qualche grattata alla ghitarra o il "Piccolo montanaro" al pianoforte?
Del resto un vezzoso e vezzeggiato direttore in carriera pur ammettendo la canagliaggine di Isotta, tiene a precisare che "almeno lui" (rispetto ai critici della domenica) conosce la materia, tecnicamente ed esteticamente, laddove per molti di quegli altri, lo spartito rovesciato fa sempre brodo.

Omettendo qui i peggiori colpi bassi, per Paolo Isotta:

...il povero Chiarot ha cominciato a credersi la reicarnazione del maestro Siciliani e del maestro Vlad. Spiega ai direttori d’orchestra come si tiene la bacchetta in mano, come si concertano le opere, quali sono i tempi giusti nell’Otello di Rossini e nel Cortez di Spontini. Spiega ai compositori defunti (Wagner, Bizet….) come si scrivono le opere, e gliele rifà se non sono politically correct. Non scherzo. Ha trasformato la Carmen, che finisce nel modo più tragico, con l’uccisione di Don Josè da parte di lei: invece che con la morte di Carmen, ammazzata disperatamente da don Josè. La tragedia dell’eros come maledizione: trasformata nel femminismo che prevale pressi i cretini, come la vendetta della sigaraia oppressa dal maschio. Un mio conoscente, regista di prima sfera, gli ha chiesto: “Ma come hai potuto farlo?” Egli ha risposto: “Non capisci che tutti i giornali del mondo parleranno di me?” [...] Negli spazi liberi dà gli ordini di scuderia. [in 3].

Ve ne sarebbe a sufficienza per esiliare, bandire dalle proprie letture il suddetto censore, secondo alcuni, non sarei d'accordo tuttavia.
Eppure capacissimo l'Isotta (stai fresco) di scritture lievi e sensibilissime come quelle facilmente reperibili su Internet, vedi queste due, una di tono familiare, l'altro dedicato ad un nome eccellentissimo della Letteratura contemporanea, Andrea Camilleri [4] e [5].

Con la qual cosa si potrebbe concludere che avere una propria opinione di scartare e far finta che non esista una faccenda, sia un bene, ma tenersi informato utilissimo, sia pure a rinsaldare le proprie opinioni negative su "quello lì".

[63 righe, 2 pagine ca.]

[1] http://www.paoloisotta.it/index.php/art ... zeffirelli
[2] http://www.paoloisotta.it/index.php/art ... ffirelli-2
[3] su "Il Fatto Quotidiano" del 26.6.19 pag. 22 e poi: http://www.paoloisotta.it/index.php/articoli/260-scala
[4] http://www.paoloisotta.it/index.php/art ... ele-ghezzi
[5] http://www.paoloisotta.it/index.php/art ... -camilleri


...continui,inutili,pretestuosi,ammorbanti,futili,oziosi,sterili,irragionevoli, fatui,insensati,ripetitivi e gratuiti interventi,che dispensa con straordinaria generosità in tutte le sezioni del forum affliggono pesantemente.
-"GEWURZTRAMINER"

Robertino
Messaggi: 43
Iscritto il: 20 ott 2017 07:20

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da Robertino » 28 giu 2019 15:24

Mi sembra che Paolo Isotta sia nella stessa situazione in cui si era trovato, durante quasi tutta la sua vita e sia pure in un contesto leggermente diverso, un grandissimo ' connaisseur ' e critico d'arte come Federico Zeri.
Intelligenza brillante, poca propensione alla 'diplomazia' verbale e scritta, carattere ' fumantino ', nemico di ogni compromesso e piaggeria, si era fatto un sacco di nemici (colleghi, ma anche molti 'soloni' accademici, che non accettavano il fatto che lui ne sapesse più di loro e fosse anche molto più bravo di loro) e pochissimi amici 'veri' che lo apprezzavano e lo sostenevano.
Risultato: isolamento, boicottaggio, tentativi, anche maldestri, di ignorarlo o di screditarlo professionalmente. C' era sempre però, per sua fortuna, uno 'zoccolo duro' di ' fans ' che seguivano attentamente il suo lavoro, assistevano alle sue conferenze, leggevano i suoi articoli ed acquistavano i suoi libri.
E' stato un grande intellettuale italiano, sempre fuori dal coro, mai conformista e che, purtroppo, non ha mai ottenuto quella considerazione e quei riconoscimenti che avrebbe invece stra-meritato.
Credo che Paolo Isotta possa perciò venire definito come ' il Federico Zeri della musicologia italiana '.
Peccato.

daphnis
Messaggi: 2025
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da daphnis » 28 giu 2019 17:47

Povero Zeri, che tremendo insulto postumo!

marco vizzardelli

Lachera
Messaggi: 19
Iscritto il: 26 gen 2019 21:08

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da Lachera » 28 giu 2019 21:19

Facciamo un paragone con Buscaroli: personaggio politicamente imbarazzante, persona non facile da gestire, ma del quale ricordo diversi libri non di gossip ma di intelligenti provocazioni storiche e musicologiche, che si rileggono volentieri ogni tanto, e del quale pure ricordo alcuni articoli ormai vecchi di alcuni decenni ma che all'epoca trovai illuminanti. Di Isotta, per dire, non saprei ricordare praticamente nessuno degli articoli che ha scritto e dai quali non ricordo di essere stato particolarmente illuminato. Scarsa memoria? Non penso. Diciamo scarso interesse per l'argomento principale di Isotta, e cioè l'incredibile perspicacia che suppone di avere.

Preciso che ho due diplomi di conservatorio (violino e composizione) e oltre trenta anni di lavoro principalmente in una fondazione lirica e occasionalmente come free lance, quindi di musica penso di capirci forse non molto ma almeno quanto Isotta. La fondazione è una di quelle attaccate da Isotta che, direi proprio, crede di saperne più di quello che ne sa realmente.

fracapi
Messaggi: 1946
Iscritto il: 29 set 2003 12:56

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da fracapi » 28 giu 2019 21:21

Robertino ha scritto:
28 giu 2019 15:24

Credo che Paolo Isotta possa perciò venire definito come ' il Federico Zeri della musicologia italiana '.
Peccato.
mi congratulo per l'acuto ed intelligente accostamento ( lo avevo pensato anche io , ma tu hai avuto il coraggio di scriverlo ), 2 autentici fuoriclasse intellettuali di questo paese , ne aggiungerei un 'altro Franco Cardini .
chiaramente hanno-avevano un esercito di denigratori infinito , ma nel loro campo in Italia non c'e'-c'era niente di meglio .

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da mascherpa » 28 giu 2019 21:52

Lachera ha scritto:
28 giu 2019 21:19
Di Isotta, per dire, non saprei ricordare praticamente nessuno degli articoli che ha scritto e dai quali non ricordo di essere stato particolarmente illuminato.
Per quel che mi riguarda, gli riconosco il merito d'avermi indotto a conoscere Oswald Kabasta, con un articolo verso la metà degli anni Novanta.
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16816
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 29 giu 2019 11:14

Piero Buscaroli era il top!!! Grandissimo!!!

albertoemme
Messaggi: 1206
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da albertoemme » 29 giu 2019 13:00

Per me Ultras vince il “Premio Orlovsky” per il nono anno di fila. Io l’anno prossimo (lo dico a Tebaldiano che qui mi sembra uno dei capi) non me la sentirò di partecipare.-

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16816
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 29 giu 2019 13:14

albertoemme ha scritto:
29 giu 2019 13:00
Per me Ultras vince il “Premio Orlovsky” per il nono anno di fila. Io l’anno prossimo (lo dico a Tebaldiano che qui mi sembra uno dei capi) non me la sentirò di partecipare.-
Quindi pensi di lasciare il forum, come me?

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 15540
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: Il favoloso dottor Isotta (Leggere o non leggere: questo è il problema)

Messaggio da Tebaldiano » 30 giu 2019 17:12

UltrasFolgoreVerano ha scritto:
29 giu 2019 13:14
albertoemme ha scritto:
29 giu 2019 13:00
Per me Ultras vince il “Premio Orlovsky” per il nono anno di fila. Io l’anno prossimo (lo dico a Tebaldiano che qui mi sembra uno dei capi) non me la sentirò di partecipare.-
Quindi pensi di lasciare il forum, come me?
Speriamo di no. Cioè: speriamo che tu lo lasci e che albertoemme rimanga.
Immagine

Rispondi