Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
marco_
Messaggi: 609
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da marco_ » 27 nov 2022 23:44

Stasera l’Opera di Roma ha inaugurato la stagione col suo spettacolo più completo a mia memoria. Non ricordo infatti in questa sala un equilibrio altrettanto alto di orchestra, coro, solisti e allestimento.

Merito anzitutto di Mariotti, che prende questa musica dalla strada in salita: ne dà una lettura fredda e asciutta, al limite del secco, per costringere il pubblico a seguire il libretto col fiato sospeso. L’orchestra si fa così chiosa di frasi dense e potenti, in modo sensibile e chiaroscurato, descrivendo atmosfere vivide quasi come fosse Pelléas… La narrazione procede serrata, e alcune pause ne acuiscono la tensione. Ci sono oasi ma sono così interiorizzate che, più che emotive, le definirei di umanità e di fede: le suore che si riconoscono sorelle in fatti apparentemente ordinari, la fede etimologica che si affida a ciò che non concepisce. Il Salve Regina finale scioglie tanta attesa in un’ondata travolgente, con Mariotti e l’orchestra così partecipi che pare vogliano cantare insieme al coro. Un’interpretazione profondissima. Orchestra e coro eseguono come un meccanismo oliato all’ennesima rappresentazione di un titolo in repertorio, mai sentiti così compatti a una prima.

Stasera la Antonacci mi ha ricordato cosa disse di lei venticinque fa un’amica che ebbe la fortuna di sentire la Callas fin dagli albori: ‘Se la Antonacci avesse una voce più estesa, sarebbe un’altra Callas’. Trovo che in Madame de Croissy abbia addirittura superato la grande Palmer: l’autorevolezza tragica è la medesima, ma in lei si aggiungono musicalità sopraffina e una personalità che rendono sfaccettato e umanissimo il personaggio. Superlativa la Madame Lidoine della Vesin, che anche nello stile di canto sposa la seconda priora nel suo carattere rustico, rigoroso e genuino. La Winters sottolinea gli aspetti di forza e libertà in Blanche, con bel controllo dei fiati in smorzando. Splendide la Constance di Emöke Baráth, di un candore giovane e ispirato anche nella dimensione profetica, e la Marie della Gubanova semplicemente perfetta. Ottimo il fratello interpretato da Volkov, più che funzionali gli altri.

Emma Dante firma il suo allestimento più maturo. È esteticamente elegante, al limite dell’essenziale, senza scivoloni rococò. È pensato come i suoi migliori film, quasi in preghiera in luogo dell’enfasi. È naturalmente innamorato delle donne, ma va ben oltre un rivendicazionismo fine a se stesso. È provocatorio, ma con intelligenza. È duro, come le vicende del testo.

Successo caloroso da parte di un pubblico concentratissimo. Consiglio le replice a chiunque voglia godere di una produzione indimenticabile.



Amonasro86
Messaggi: 75
Iscritto il: 20 set 2021 15:07

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da Amonasro86 » 28 nov 2022 07:37

Sottoscrivo e sottolineo il pubblico concentratissimo, vera rarità a una prima romana, segno che quando le cose sono fatte bene anche il generone sa stare attento.
Non nascondo che il finale mi ha molto commosso, era tutto musicalmente perfetto, registicamente un po’ meno, la donna crocifissa è ormai banale se non ridicola.

biancano
Messaggi: 407
Iscritto il: 07 dic 2014 13:32

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da biancano » 28 nov 2022 09:53

ho visto in TV solo la morte di Madame de Croissy ma ho avuto le stesse sensazioni scritte sopra....ci sarò all'ultima replica martedì 6

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 17043
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 28 nov 2022 21:33

Io sto ancora tentando di dimenticare le indimenticabili Madame Croissy della Crespin e della Silja.

daphnis
Messaggi: 2748
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da daphnis » 28 nov 2022 23:34

Arrivo, venerdì. Non avevo dubbi sull' esito. Mariotti più Dante, umanamente musicalmente teatralmente culturalmente perfetti per il titolo, entrambi. Averli uniti e' cosa dal Primo Teatro Lirico d'Italia (grazie Fuortes che inizio' a renderlo tale con Gatti, e ideale la successione: brava Roma, ha scelto bene: Capitale italiana della Musica, in attesa fervida delle scelte prossime di Santa Cecilia, che speriamo adeguate).

Sono molto molto contento del trionfo, e non vedo l'ora di esserci.


marco vizzardelli

Manrico Del Pietro
Messaggi: 986
Iscritto il: 09 mar 2015 14:30

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da Manrico Del Pietro » 01 dic 2022 23:37

Recensione in home page: https://www.operaclick.com/recensioni/t ... C3%A9lites

In sostanza, concordo sull'ottima prestazione di Mariotti e orchestra, mentre la regia di Emma Dante, pur con numerosi meriti, non mi ha convinto.
Non sum uni angulo natus, patria mea totus hic mundus est. (Seneca)

Amonasro86
Messaggi: 75
Iscritto il: 20 set 2021 15:07

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da Amonasro86 » 02 dic 2022 00:54

Segnalo un piccolo (?) refuso (?) nella recensione: Bernanos non era un librettista.

Avatar utente
manrico64
Site Admin
Messaggi: 19025
Iscritto il: 10 lug 2001 23:31
Contatta:

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da manrico64 » 02 dic 2022 11:20

Amonasro86 ha scritto:
02 dic 2022 00:54
Segnalo un piccolo (?) refuso (?) nella recensione: Bernanos non era un librettista.
secondo me, in riferimento a quest'opera, credo sia corretto chiamarlo librettista
Danilo

Amonasro86
Messaggi: 75
Iscritto il: 20 set 2021 15:07

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da Amonasro86 » 02 dic 2022 14:10

Beh no, Bernanos è morto un lustro prima della composizione dell’opera.
Poulenc ha tratto il libretto dal suo dramma (e dalla sceneggiatura), ma dire che Bernanos era il librettista non è corretto.

marco_
Messaggi: 609
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Re: Dialogues des Carmélites all’Opera di Roma

Messaggio da marco_ » 02 dic 2022 22:10

Esco ipnotizzato dalla terza recita, evoluta rispetto alla prima nella densità chiaroscurata del manto orchestrale, e nella fusione tra soliste e podio che respirano all’unisono.

Gubanova, Vesin, Winters e Baráth sono inappuntabili e bilanciatissime, la Antonacci extraterrestre, Mariotti prega col cuore facendo musica.

Rispondi