Paolo Bordogna: dal Figaro di Rossini a quello di Mozart