Alberto Triola: "Il direttore artistico è in realtà un progettista di opportunità"