Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 587
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da massenetiana » 10 nov 2018 15:45

Grandissimo Franco!!! :love:
Bonisolli avrà pure avuto il suo carattere particolare, ma come tenore è stato tra i più grandi, aveva una voce bellissima e che gli permetteva di spaziare dal Trovatore (una meraviglia) al Barbiere (altrettanto bello), personalità da vendere... per i miei gusti un grandissimo (anche) insieme all'altro Franco.


massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

Dr.Malatesta
Messaggi: 2826
Iscritto il: 23 gen 2008 14:06

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da Dr.Malatesta » 10 nov 2018 18:23

Per me è un "cantante" semplicemente inaccettabile: per me la negazione del canto tenorile. Buttar la voce e sbraitare acuti non è cantare... La presunta "arte" di Bonisolli a me pare più vicina agli stornellatori da sagra di paese che ad un qualsiasi tipo di musica. Poi in Rossini meno che mai. E' il classico fenomeno da folklore melomaniaco, adatto alla Barcaccia e programmi similari.
Matteo

fuor del mar ho un mare in seno

Don Carlo
Messaggi: 302
Iscritto il: 17 lug 2003 14:50

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da Don Carlo » 10 nov 2018 18:29

Infatti HVK lo ha protestato più volte!

fracapi
Messaggi: 1722
Iscritto il: 29 set 2003 12:56

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da fracapi » 10 nov 2018 21:31

Dr.Malatesta ha scritto:
10 nov 2018 18:23
Per me è un "cantante" semplicemente inaccettabile: per me la negazione del canto tenorile. Buttar la voce e sbraitare acuti non è cantare... La presunta "arte" di Bonisolli a me pare più vicina agli stornellatori da sagra di paese che ad un qualsiasi tipo di musica. Poi in Rossini meno che mai. E' il classico fenomeno da folklore melomaniaco, adatto alla Barcaccia e programmi similari.
che devo dire ? : niente ! hai usato il -Per me - quindi tutto ti e' consentito .
.. per me (io ) i tuoi giudizi , sono esagerati ..pero' hai detto : Per me...

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 14818
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da il_bonazzo » 11 nov 2018 14:06

Senza usare toni apodittici, in questa registrazione Bonisolli come Almaviva non sembra un granchè neppure a me: stile e legato latitano parecchio, pasticci col solfeggio e con le parole se ne sentono fin troppi, bei momenti ce ne sono (tipo la serenata) ma limitati. Forse contribuisce anche l'insieme un pò abborracciato, tra tagliazzi di ogni tipo, orchestra sgraziata, e la registrazione molto distorta. Milnes pure devo dire, con tutto che è il grande cantante che è, Figaro si capisce perchè l'abbia abbandonato subito, pure con lui non ci siamo proprio.
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

fracapi
Messaggi: 1722
Iscritto il: 29 set 2003 12:56

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da fracapi » 11 nov 2018 14:17

il_bonazzo ha scritto:
11 nov 2018 14:06
Senza usare toni apodittici, in questa registrazione Bonisolli come Almaviva non sembra un granchè neppure a me: stile e legato latitano parecchio, pasticci col solfeggio e con le parole se ne sentono fin troppi, bei momenti ce ne sono (tipo la serenata) ma limitati. Forse contribuisce anche l'insieme un pò abborracciato, tra tagliazzi di ogni tipo, orchestra sgraziata, e la registrazione molto distorta. Milnes pure devo dire, con tutto che è il grande cantante che è, Figaro si capisce perchè l'abbia abbandonato subito, pure con lui non ci siamo proprio.
.. secondo me , Fra' Melitone alias Impiccione viaggiatore nonche' Barcacciano doc... di opera non ne capisce Niente ! quell' " ecceziunale veramente " se lo poteva risparmiare.. Anzi gli consiglio ( al Fra' ) di andare a vedersi qualche opera dal vivo in piu' ed ad andare alla Bacaccia meno ! 8)

albertoemme
Messaggi: 755
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da albertoemme » 12 nov 2018 17:41

Eppure Bonisolli ha il suo perché e mi rammarico di averlo ascoltato meno di quello che potevo (in pratica solo Turandot, La Traviata e Aida).-

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 587
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da massenetiana » 12 nov 2018 18:11

albertoemme ha scritto:
12 nov 2018 17:41
Eppure Bonisolli ha il suo perché e mi rammarico di averlo ascoltato meno di quello che potevo (in pratica solo Turandot, La Traviata e Aida).-
Lo hai ascoltato dal vivo?
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 13510
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da Tebaldiano » 13 nov 2018 00:28

Ecco, leggere contemporaneamente queste due cose:
massenetiana ha scritto:
10 nov 2018 12:21
il livello dei cantanti si è notevolmente abbassato (sia chiaro, ci sono cantanti molto bravi anche oggi ma non raggiungono e non raggiungeranno mai i livelli dei grandi del passato)
massenetiana ha scritto:
10 nov 2018 15:45
Bonisolli avrà pure avuto il suo carattere particolare, ma come tenore è stato tra i più grandi, aveva una voce bellissima e che gli permetteva di spaziare dal Trovatore (una meraviglia) al Barbiere (altrettanto bello), personalità da vendere... per i miei gusti un grandissimo (anche) insieme all'altro Franco.
per me è abbastanza sconvolgente. Va bene la solita nostalgia per i bei tempi andati, ma anche ammesso che i tempi andati siano sempre più belli (per me non lo sono e lho spiegato diverse volte, ma va bene lo stesso), ho tutta un'altra idea di grande tenore rispetto a Bonisolli.
Immagine

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13549
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Franco Bonisolli eccelso rossiniano

Messaggio da mascherpa » 13 nov 2018 09:49

Ricordo d'avere sentito dal vivo Bonisolli una sola volta, in un Trovatore a Venezia alla fine degli anni Settanta. Mi sembrò, a botta calda, del tutto condivisibile il perfido aggettivo con cui l'allora critico de «Il gazzettino» descrisse il suo canto di Ah sí, ben mio: «fastidioso». Verissimo che Karajan non l'ha mai protestato, ma la sua seconda registrazione "in studio" del Trovatore mi fa rimpiangere, della prima, anche il tenore.

Resta poi ovvio che identificando Manrico con la sua cabaletta si possono anche fare valutazioni diverse: ma direi solo assumendo per vera quell'ipotesi, che non mi sembra di poter condividere.

Il giudizio, nuovo e in sé molto ambiguo, d'«eccelso rossiniano» è forse legato anche alla sua partecipazione all'Assedio di Corinto scaligero con Schippers, che, una decina d'anni prima di quel Trovatore veneziano, ne cavò, a quel che sembra, il meglio possibile. Indubbio che anche Bonisolli abbia contributo al successo dello spettacolo (del quale conosco solo la precaria registrazione audio e gl'insulti, invero antistòrici, che ad esso rivolse Gossett molto tempo dopo), ma dubito che oggi sarebbe altrettanto apprezzato chi cantasse la parte di "Cleomene" come lui.

Resta comunque a suo merito l'aver detto chiaro una volta quel che sentii riferire in una trasmissione radiofonica con queste parole: "a Salisburgo [Großes Festspielhaus], se va via la luce non si sente piú nemmeno l'orchestra" (a me è capitato di verificarlo il pomeriggio dell'Angelo nel 2002, anche se la "crisi" durò solo una manciata di secondi: ne conservo la mia "paperata").
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Rispondi