.... in Verdi e Puccini

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14190
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: .... in Verdi e Puccini

Messaggio da mascherpa » 19 nov 2019 20:14

Lachera ha scritto:
06 nov 2019 09:11
...alla Scala Puccini non fu molto eseguito dal 1904 al 1924. Non ricordo precisamente e non ricordo neanche dove controllare, ma mi sembra che in venti anni ci furono qualche cosa come sei/otto allestimenti...
Dalla prima della Butterfly a tutto il 1923 Puccini comparve in effetti solo otto volte nel cartellone della Scala (fonte: G. Tintori, Cronologia 1778-1977):
1. Tosca (1907-08, dir. Toscanini, 13 recite)
2. Manon Leascaut (1909, dir. Vitale, 6 recite)
3. La fanciulla del West (1912-13, dir.Serafin, 15 recite)
4. La Bohème (1916, dir. Marinuzzi, 9 recite)
5. Tosca (1919, dir. Panizza, 8 recite)
6. Trittico (1922, dir. Panizza, 7 recite)
7. Manon Lescaut (1922-23, dir. Toscanini, 17 recite)
8. La Bohème (1923, dir. Ghione, 6 recite)

Suppongo, però, che il polemico riferimento di cui parliamo non fosse a questo periodo ormai remoto, ma a quello 1968-86, confondendo (io credo) la presenza di Puccini alla Scala con la sua presenza nel repertorio del direttore musicale di quegli anni. Almeno un titolo di Puccini fu infatti rappresentato alla Scala, nella maggior parte dei casi con interpreti di primo o primissimo piano, in diciassette delle diciotto stagioni dal dicembre 1968 al giugno 1986: fece eccezione solo la 1981-82 (fonte: La Scala - Cronologia 1967-1992, a cura di GIampiero Tintori). Però non furono mai date, in quel periodo, Le Villi, Edgar, La Fanciulla del West e La Rondine. In particolare, dopo il 1885 e il 1889 le due opere "giovanili" di Puccini furono riprese dalla Scala (nella sede provvisoria del Teatro Lirico) solo per la stagione commemorativa del ventennale della scomparsa tra il 29 novembre 1944 e l'inizio del 1945, che però non incluse La Rondine.


Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

violamargherita
Messaggi: 1328
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: .... in Verdi e Puccini

Messaggio da violamargherita » 19 nov 2019 21:23

mascherpa ha scritto:
19 nov 2019 20:14
Suppongo, però, che il polemico riferimento di cui parliamo non fosse a questo periodo ormai remoto, ma a quello 1968-86, confondendo (io credo) la presenza di Puccini alla Scala con la sua presenza nel repertorio del direttore musicale di quegli anni. Almeno un titolo di Puccini fu infatti rappresentato alla Scala, nella maggior parte dei casi con interpreti di primo o primissimo piano, in diciassette delle diciotto stagioni dal dicembre 1968 al giugno 1986: fece eccezione solo la 1981-82 (fonte: La Scala - Cronologia 1967-1992, a cura di GIampiero Tintori). Però non furono mai date, in quel periodo, Le Villi, Edgar, La Fanciulla del West e La Rondine. In particolare, dopo il 1885 e il 1889 le due opere "giovanili" di Puccini furono riprese dalla Scala (nella sede provvisoria del Teatro Lirico) solo per la stagione commemorativa del ventennale della scomparsa tra il 29 novembre 1944 e l'inizio del 1945, che però non incluse La Rondine.
La fanciulla del West era stata prevista per l'inaugurazione 1983-1984, poi con circa lo stesso team fecero una bruttissima Turandot.

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14190
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: .... in Verdi e Puccini

Messaggio da mascherpa » 20 nov 2019 10:16

violamargherita ha scritto:
19 nov 2019 21:23
...fecero una bruttissima Turandot.
...che nel pensier rinova la paura.
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Rispondi