Pensieri su Aureliano Pertile

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
marco_
Messaggi: 256
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da marco_ » 02 ago 2019 23:58

Stasera avevo bisogno di rilassarmi: mi sono immerso nell’ascolto di grandi voci, come quando da adolescente tiravo l’alba con uno studio vorace ed emozionante dei dischi. Nel frattempo il mio rapporto con le incisioni si è raffreddato, eppure Pertile mi ha beato oggi come allora.

Fui portato a Pertile da un bel libro di ricordi scaligeri del padre di Carlo Fontana, che ne elogiava la sublimità inarrivabile, a cui sostiene fosse impossibile assuefarsi. Ascoltai quindi il suo ‘Ah sì, ben mio’, che mi lasció esterrefatto in silenzio alcuni minuti.

Oggi mi ipnotizza per come carezza le note, per il canto rilassato anche all’acme di tensione nella tessitura, per la musicalità senza tempo resa veicolo di espressione umanissima.

Segnalo quattro brani che puliscono le orecchie e fanno bene al cuore.

L’eleganza:


Il dominio della voce:


L’ampleur:


I colori:



marcob35
Messaggi: 245
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da marcob35 » 03 ago 2019 00:06

marco_ ha scritto:
02 ago 2019 23:58
Stasera avevo bisogno di rilassarmi: mi sono immerso nell’ascolto di grandi voci, come quando da adolescente tiravo l’alba con uno studio vorace ed emozionante dei dischi... [...]
Ben detto. Mi ricorda tuttavia i "topic" di un altro sito, di nero vestito, ma spero sia solo una coincidenza, anzi credo, perché l'Utente, ha un altro stile e andamento nei suoi resoconti qui...
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

marco_
Messaggi: 256
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da marco_ » 03 ago 2019 06:42

marcob35 ha scritto:
03 ago 2019 00:06
spero sia solo una coincidenza, anzi credo
Nessun furto di identità, forse è amaro in bocca per un tenore guastamusica che ho ascoltato in teatro settimana scorsa.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16527
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 03 ago 2019 11:17

In confronto ad un Pertile, che reputo un grande cantante, ma per certi versi sorpassato, trovo invece sublime e dal gusto tuttora attuale il contemporaneo Francesco Merli. Ecco ... sentire Merli, non è sentire una voce degli anni ‘30, ma tutt’altro!

ZetaZeta
Messaggi: 602
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da ZetaZeta » 03 ago 2019 21:53

UltrasFolgoreVerano ha scritto:
03 ago 2019 11:17
In confronto ad un Pertile, che reputo un grande cantante, ma per certi versi sorpassato, trovo invece sublime e dal gusto tuttora attuale il contemporaneo Francesco Merli. Ecco ... sentire Merli, non è sentire una voce degli anni ‘30, ma tutt’altro!
Definire sorpassato un cantante che ha svolto la sua carriera quasi cent'anni fa è semplicemente ridicolo nel suo anacronismo.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16527
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 03 ago 2019 22:16

ZetaZeta ha scritto:
03 ago 2019 21:53
UltrasFolgoreVerano ha scritto:
03 ago 2019 11:17
In confronto ad un Pertile, che reputo un grande cantante, ma per certi versi sorpassato, trovo invece sublime e dal gusto tuttora attuale il contemporaneo Francesco Merli. Ecco ... sentire Merli, non è sentire una voce degli anni ‘30, ma tutt’altro!
Definire sorpassato un cantante che ha svolto la sua carriera quasi cent'anni fa è semplicemente ridicolo nel suo anacronismo.
Per nulla! Kraus è sorpassato, Bergonzi lo è, di Pertile l’ho già detto ... Caruso è ancora contemporaneo, lo è Thill, lo è la Callas. I primi hanno lasciato il segno, i secondi hanno fatto la storia.

ZetaZeta
Messaggi: 602
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da ZetaZeta » 04 ago 2019 07:37

UltrasFolgoreVerano ha scritto:
03 ago 2019 22:16
ZetaZeta ha scritto:
03 ago 2019 21:53
UltrasFolgoreVerano ha scritto:
03 ago 2019 11:17
In confronto ad un Pertile, che reputo un grande cantante, ma per certi versi sorpassato, trovo invece sublime e dal gusto tuttora attuale il contemporaneo Francesco Merli. Ecco ... sentire Merli, non è sentire una voce degli anni ‘30, ma tutt’altro!
Definire sorpassato un cantante che ha svolto la sua carriera quasi cent'anni fa è semplicemente ridicolo nel suo anacronismo.
Per nulla! Kraus è sorpassato, Bergonzi lo è, di Pertile l’ho già detto ... Caruso è ancora contemporaneo, lo è Thill, lo è la Callas. I primi hanno lasciato il segno, i secondi hanno fatto la storia.
Fa piacere leggere qualcuno che può emettere giudizi su Caruso avendolo ascoltato dal vivo.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16527
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 04 ago 2019 16:36

ZetaZeta ha scritto:
04 ago 2019 07:37
UltrasFolgoreVerano ha scritto:
03 ago 2019 22:16
ZetaZeta ha scritto:
03 ago 2019 21:53

Definire sorpassato un cantante che ha svolto la sua carriera quasi cent'anni fa è semplicemente ridicolo nel suo anacronismo.
Per nulla! Kraus è sorpassato, Bergonzi lo è, di Pertile l’ho già detto ... Caruso è ancora contemporaneo, lo è Thill, lo è la Callas. I primi hanno lasciato il segno, i secondi hanno fatto la storia.
Fa piacere leggere qualcuno che può emettere giudizi su Caruso avendolo ascoltato dal vivo.
:thud

fracapi
Messaggi: 1853
Iscritto il: 29 set 2003 12:56

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da fracapi » 04 ago 2019 17:38

banalmente un cantante del passato ,a secondo dei gusti puo' essere sorpassato oppure no . Dipende che cosa si intende per sorpassato . se oggi uno esce vestito da hippie ,salvo essere un divo rock , veste in modo sorpassato, se mette un abito blu sartoriale di 40 anni fa non lo e' .
Comunque Caruso , ritengo , rimane attualissimo , per il suo canto unico ,inciso tra l'altro , in modo molto piu' primitivo rispetto gli altri cantanti citati , forse questa e' anche la sua forza , in quanto i brani col metodo acustico dovevano essere incisi tutto di un fiato , non potevano essere ritoccati. Caruso noi lo ascoltiamo come se cantasse dal vivo e nonostante i suoi dischi abbiano piu' di un secolo e pur riportando solo una parte dei suoi armonici , a mio parere , rimane ancora un tenore fuori portata da tutti gli altri per l'interpretazione dei brani cantati. Probabilmente altri cantano meglio di lui o hanno maggior estensione o altro in piu' ,ma il modo di cantarli come lui li canta e' a mio parere inarrivabile .
Peretile ha piu' maestria tecnica di Caruso ci e' quasi vicino , ma non lo raggiunge .
Ultras pero Kraus cantava come un dio fino all'altro ieri...sorpassato non direi . Degustibus.

ZetaZeta
Messaggi: 602
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Pensieri su Aureliano Pertile

Messaggio da ZetaZeta » 04 ago 2019 18:36

La grandezza di Caruso è fuori discussione, ma trovo davvero improprio fare una gara di attualità tra lui, Pertile, Schipa o Gigli. Peraltro il termine "attuale" cosa riguarda? La tecnica, l'interpretazione, la recitazione?
Uno può dire, più legittimamente, che un cantante ha una tecnica sopraffina e che gli piace più di un altro senza dare giudizi storici assai periclitanti.

Rispondi