Pappano e Batiashvili a Santa Cecilia - Musorgskij, Bartok, Rimskij-Korsakov

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale
Rispondi
marco_
Messaggi: 256
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Pappano e Batiashvili a Santa Cecilia - Musorgskij, Bartok, Rimskij-Korsakov

Messaggio da marco_ » 09 mag 2019 21:27

Bella prestazione di Pappano in un repertorio che gli va a genio. Sentito Gatti la settimana scorsa, ha adottato anche lui per la prima volta la disposizione ‘americana’ dell’orchestra coi violini primi e secondi affiancati a sinistra, meno espressiva ma più efficace. La brillantezza dell’orchestra in un repertorio così ne beneficia.

Notte sul Monte Calvo serrata ed estroversa, come l’accompagnamento di un film di Hitchcock. Giovanni della Croce è un po’ distante (forse anche dalle intenzioni di Musorgskij?), ma il gioco funziona. Il primo concerto per violino di Bartok potrebbe essere il racconto ‘Lisa sei perfetta, ma il cuore?’. La Batiashvili infatti è mostruosa per velocità, precisione, intonazione, colori. La proiezione è migliorabile, ma è una monotonia derivante dal non prendersi rischi (o dal non voler svelare se stessa) che alla lunga la rende sterile. Peccato, avrebbe le carte per essere la migliore di oggi.

Shéhérazade mi pare il vertice della serata. Delle tante angolazioni possibili Pappano sceglie un caleidoscopio di cantabilità, così la prima e soprattutto la terza parte sono travolgenti. Un plauso ai legni in gran forma, e alla spalla Parazzoli (non deve essere facile suonare subito dopo un prodigio come lei perché emergono numerose sbavature, eppure a tratti è più comunicativo).

Bel successo in vista di una tournée con questo programma alternato alla Sesta di Mahler.



pbialetti
Messaggi: 468
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Pappano e Batiashvili a Santa Cecilia - Musorgskij, Bartok, Rimskij-Korsakov

Messaggio da pbialetti » 10 mag 2019 09:36

marco_ ha scritto:
09 mag 2019 21:27
Il primo concerto per violino di Bartok potrebbe essere il racconto ‘Lisa sei perfetta, ma il cuore?’. La Batiashvili infatti è mostruosa per velocità, precisione, intonazione, colori. La proiezione è migliorabile, ma è una monotonia derivante dal non prendersi rischi (o dal non voler svelare se stessa) che alla lunga la rende sterile. Peccato, avrebbe le carte per essere la migliore di oggi.
La stessa accusa le è stata mossa qui dalla critica locale in occasione di una sua reente esecuzione con i Berliner del Concerto n.2 di Prokofiev che a me invece aveva commosso fino alle lacrime nel movimento centrale. Allo stesso modo ho apprezzato nella stagione precedente senza riserve una sua esecuzione del concerto di Sibelius (con i Berliner e P. Järvi). Io trovo che la bellezza del suo suono e la maestria tecnica siano poesia di per se e l'ho eletta a mia violinista prediletta del momento.
È curioso che tra i solisti più in vista di questo strumento vi sia al momento una folta presenza femminile (oltre a Lisa, mi vengono in mente, tra quelle sentite recentemente, Patricia Kopatcinskaja, Janine Jansen, Julia Fischer, Victoria Mullova, Isabelle Faust, Vilde Frang, Nicola Benedetti ...)

marco_
Messaggi: 256
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Re: Pappano e Batiashvili a Santa Cecilia - Musorgskij, Bartok, Rimskij-Korsakov

Messaggio da marco_ » 10 mag 2019 14:04

pbialetti ha scritto:
10 mag 2019 09:36
È curioso che tra i solisti più in vista di questo strumento vi sia al momento una folta presenza femminile (oltre a Lisa, mi vengono in mente, tra quelle sentite recentemente, Patricia Kopatcinskaja, Janine Jansen, Julia Fischer, Victoria Mullova, Isabelle Faust, Vilde Frang, Nicola Benedetti ...)
Citerei Alina Pogostkina: fragile nella sua imperfezione, di sensibilità sovrumana, intelligente, nostalgica. Un fascino femminile e musicale prezioso.

pbialetti
Messaggi: 468
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Pappano e Batiashvili a Santa Cecilia - Musorgskij, Bartok, Rimskij-Korsakov

Messaggio da pbialetti » 10 mag 2019 15:05

marco_ ha scritto:
10 mag 2019 14:04
Citerei Alina Pogostkina: fragile nella sua imperfezione, di sensibilità sovrumana, intelligente, nostalgica. Un fascino femminile e musicale prezioso.
Grazie per la segnalazione. Vedo che ad agosto suonerà il concerto di Ciaikovskij qui a Berlino nell'ambito del Festival delle orchestre giovanili "Young Euro Classic" e se posso la sentirò con interesse.

Rispondi