Die lustige Witwe all’Opera di Roma

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Rispondi
marco_
Messaggi: 196
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Die lustige Witwe all’Opera di Roma

Messaggio da marco_ » 16 apr 2019 22:22

Stasera il Costanzi somigliava più a una carpenteria che a una sala da musica... demerito di Trinks, che in buca picchia, sforza e pialla come non mai. Fa poi uno strazio delle melodie, imprimendovi implacabilità metronomica ed evitando accuratamente di legare.

Non va meglio coi protagonisti Mchantaf e Szot, che non saprei bene come definire non avendoli uditi a sufficienza: il martellatore in buca non li aiuta, ciononostante un minimo di proiezione della voce (per non dire magnetismo in scena) non guasterebbe. Assai meglio il Rossillon sciolto e ardente di Sonn, e specialmente la Valencienne piena di vita (e di voce) della Ferfecka. Funzionale il Barone di Michaels-Moore.

L’allestimento di Michieletto ha evitato che tornassi a casa all’intervallo. Dimostra infatti un mestiere rigoroso e felice. Gli sportelli minimalisti del Banco di Pontevedro, una balera/tinello (che ispira la nostalgia assente nella concertazione) e un ufficio con mobili di formica e simpelle sono il contesto per combinazioni raffinate di colori e situazioni: si va dal tono su tono dei bancari (i movimenti con le scartoffie ipnotizzano come certi personaggi di Buñuel) al florilegio di tinte pastello delle coriste; dal vuoto psicologico dei soli in scena allo stordimento delle masse al completo. Notevoli i giochi di luce.

Naturalmente non basta, che senza la ‘regia musicale’ non c’è regia teatrale che tenga.



daphnis
Messaggi: 1534
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Die lustige Witwe all’Opera di Roma

Messaggio da daphnis » 22 apr 2019 08:00

Lo temevo... a Venezia il fantastico spettacolo di Michieletto aveva il pieno supporto della scintillasnte direzione di Stefano Montanari, per cui era un tutt'uno. Peccato non avere confermato Montanari a Roma

marco vizzardelli

Rispondi