R.I.P. Claudio Scimone

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Rispondi
Avatar utente
Garibaldo69
Messaggi: 334
Iscritto il: 24 feb 2006 21:00
Località: Faenza

R.I.P. Claudio Scimone

Messaggio da Garibaldo69 » 07 set 2018 07:21

Ci ha lasciati a 82 anni il direttore veneto fondatore nel 1959 dei grandi Solisti Veneti e anche protagonista della Rossini reinassance negli anni 80-90.



Avatar utente
notung
Messaggi: 19076
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste
Contatta:

Re: R.I.P. Claudio Scimone

Messaggio da notung » 07 set 2018 07:34

Stiamo preparando un ricordo articolato che sarà pubblicato prossimamente.
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

<<Sono responsabile di quello che dico non di quello che capiscono gli altri.>> Massimo Troisi, forse.

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 14819
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: R.I.P. Claudio Scimone

Messaggio da il_bonazzo » 07 set 2018 14:31

Pubblicato in hp il bel ricordo a cura di Vittorio Mascherpa
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 236
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: R.I.P. Claudio Scimone

Messaggio da Giulio Santini » 07 set 2018 15:09

Per caso, proprio la notte che è morto Scimone mi trovavo, ascoltandone un'incisione dei Concerti grossi di Corelli, ad apprezzarne particoalrmente il gusto per il bel suono e la piacevolezza che naturalmente dovrebbe scaturire dalle composizioni del suo repertorio d'elezione; perciò mi piace associarmi ai complimenti a Vittorio Mascherpa soprattutto perché ha rilevato come la musica del Settecento, più dell'opera rossiniana, sia stato il terreno dove Scimone ha seminato meglio, e per l'interessante suggestione rispetto all'approccio quasi coevo alle prime prove dei Solisti veneti, ma tanto più rigoroso, a tratti quasi marziale, dei Musici, del resto affascinante pur esso: si può fare un confronto significativo ascoltando le rispettive incisiono dei concerti violinistici di Vivaldi, laddove Scimone si avvalse del contributo non solo di Piero Toso ma anche, se posso aggiungere, dell'altrettanto valido Marco Fornaciari (e i Musici accompagnarono Accardo, tanto prossimo alla loro cifra interpretativa). I dischi barocchi di Scimone, come non molti altri, trasmettevano con molto gusto un grande senso di serenità e di amore per la vita.

Rispondi