Khatia e Yuja, meravigliose

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale

Moderatore: Berlioz

Rispondi
daphnis
Messaggi: 1334
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Khatia e Yuja, meravigliose

Messaggio da daphnis » 25 lug 2018 23:24

Uno dei più bei filmati musicali rimasti online. Eros, bellezza, musica. Formidabili entrambe!! Sono solo due minuti e rotti di musica ma è pura bellezza. Avvenne nel 2011.



▶ 2:38
https://www.youtube.com/watch?v=YFRFgRm1BYE


marco vizzardelli



Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 546
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: Khatia e Yuja, meravigliose

Messaggio da massenetiana » 25 lug 2018 23:41

Bravissime!
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

pbialetti
Messaggi: 394
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Khatia e Yuja, meravigliose

Messaggio da pbialetti » 26 lug 2018 09:38

Yuja è una delle pianiste più controverse sulla scena al momento. Personalmente, la adoro. Nel suo recente Recital al Kammermusiksaal di Berlino, dopo un programma densissimo culminato con la Sonata n. 8 di Prokofiev ha concesso qualcosa come sei bis (tra cui il famigerato "Precipitato" della Sonata n.7 di Prokofiev), tutti al di sopra delle possibilità umane. La sua esecuzione del concerto n.2 di Prokofiev coi Berliner di qualche anno fa resta una delle mie più emozionanti esperienze di ascoltatore (meno quella del Conerto n.3 di quest'anno). Purtroppo queste sue estreme capacità vistuosistiche la condannano all'emarginazione di critici superciliosi, che la qualificano come "macchinetta cinese da vrituosismo" o "diteggiatrice", senza riconoscerle però alcuna capacità di interprete. A me sembra che solo la varietá di tocco che sa sfoggiare in pezzi anche mostruosamente difficili sia già sufficiente per annoverarla nel Gotha dei pianisti in attività. Il fatto che si vesta in modo clamoroso, per quel che mi riguarda irrilevante riguardo alle sue capacità, ma pur sempre piacevole a vedersi, non contribuisce certo alla sua immagine in un ambiente tendenzialmente conservatore come quello della musica classica. Il fatto che sia un oggetto di marketing non si può negare. Casomai ci si può chiedere per quanto ancora possa sostenere il ritmo di concerti che tiene ora, degno di un Barenboim.
La Katia non l'ho mai sentita, la sentirò ad agosto ai BBC-Proms.

daphnis
Messaggi: 1334
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Khatia e Yuja, meravigliose

Messaggio da daphnis » 26 lug 2018 11:28

Chi critica Yuja dimentica che il suo è sì virtuosismo, ma un virtuosismo intelligente, mai fine a se stesso.
Khatia è una personalità musicale talmente forte da risultare, talora, diseguale fra una serata e l'altra. Ma quando dà il meglio sa essere letteralmente travolgente. Una delle più affascinanti pianiste di oggi, con una sua personalissima impronta.

marco vizzardelli

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 546
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: Khatia e Yuja, meravigliose

Messaggio da massenetiana » 26 lug 2018 17:22

In verità non le avevo mai ascoltate e mi ha subito colpito la loro eleganza... veramente brave, una musica che entra nel cuore e rimane impressa già al primo ascolto.
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

daphnis
Messaggi: 1334
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Khatia e Yuja, meravigliose

Messaggio da daphnis » 27 lug 2018 09:40

Oggi sul Corriere della Sera bella intervista a Khatia Buniatishvili che, fra l'altro, dovrebbe aver eseguito ieri sera a Roma il Concerto nr 1 di Ciaikovsky all'Auditorium con l'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia


marco vizzardelli

Rispondi