Piacenza:Il Corsaro

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Rispondi
cavalieredanese
Messaggi: 121
Iscritto il: 30 mar 2013 12:44

Piacenza:Il Corsaro

Messaggio da cavalieredanese » 05 mag 2018 13:47

Ieri sera la prima. Premessa. Si tratta di un Verdi minore, talmente minore che il Mila ha incluso Il Corsaro nel libro delle opere brutte di Verdi.Effettivamente si tratta di musica orecchiabile e pertanto di ascolto abbastanza facile, ma con poche idee di spessore. Oltretutto con una trama abbastanza assurda. Se certe opere vengono rappresentate poco, qualche motivo ci sarà. Riguardo al Mila, si potrebbe obiettare che nel suo libro compare anche Attila, che invece è stata recuperata abbastanza negli ultimi 40 anni. La cosa positiva, e anche molto positiva, sono stati i cantanti, a partire dal tenore Ivan Ayon Rivas, peruviano di 25 anni che ha una voce bella di volume straordinario, forse non troppo interpretativa ma destinato a diventare un personaggio di spicco. Accanto, due soprano pur diverse, ma ambedue con risultati ottimi e cioè Serena Gamberoni e Roberta Mantegna. Un pò sotto le mie attese il baritono Simone Piazzola, sentito l'anno scorso alla Scala, che sembrava con belllissima voce e, invece qui, sopra la sufficienza ma niente più. Ottimi orchestra e coro. Indice che l'Orchestra Toscanini, qui diretta dal Maestro Beltrami, se gestita bene può piacere al di là del mero accompagnamento dei cantanti. Applausi a scena aperta e trionfali alla fine. Piacenza chiude così quella che è stata, a mio parere, la sua migliore stagione, almeno da trentanni ad oggi.



mariocavaradossi
Messaggi: 580
Iscritto il: 14 giu 2004 16:52
Località: milano

Re: Piacenza:Il Corsaro

Messaggio da mariocavaradossi » 05 mag 2018 18:08

cavalieredanese ha scritto:
05 mag 2018 13:47
Si tratta di un Verdi minore, talmente minore che il Mila ha incluso Il Corsaro nel libro delle opere brutte di Verdi.
Opere brutte di Verdi non ne conosco; il Corsaro non è certo un capolavoro ma contiene pagine molto interessanti. Sicuramente è un'opera che necessita di cantanti e direttore capaci di esaltarne i pregi e mettere in ombra i difetti.
Mi unisco ai complimenti espressi da cavalieredanese al Teatro di Piacenza per aver proposto un Corsaro di altissimo livello puntando su un intero cast di giovani e debuttanti nei rispettivi ruoli; vale inoltre la pena di sottolineare non solo che ha avuto un accoglienza trionfale (e non c'è da stupirsene visto il livello dell'esecuzione) ma soprattutto che ha registrato un inaspettato sold out.
Evidentemente le stagioni di qualità avvicinano il pubblico anche a titoli meno conosciuti.

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 136
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Piacenza:Il Corsaro

Messaggio da Amfortas_Genova » 05 mag 2018 20:08

Va veramente un plauso a Cristina Ferrari, direttrice artistica che manca molto a Genova. Speriamo di rivederla presto a capo di una grande Fondazione Lirica, come merita.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Rispondi