Pereira c'è

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Rispondi
albertoemme
Messaggi: 865
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Pereira c'è

Messaggio da albertoemme » 12 mar 2019 14:13

Magari anche più di una e comunque mi tocco almeno la metà dei miei polmoni.-



Avatar utente
tower
Messaggi: 366
Iscritto il: 10 apr 2013 10:27

Re: Pereira c'è

Messaggio da tower » 14 mar 2019 16:57


Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16397
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Pereira c'è

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 14 mar 2019 18:31

Spero vivamente che la Scala accetti i soldi degli arabi.

ZetaZeta
Messaggi: 398
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Pereira c'è

Messaggio da ZetaZeta » 14 mar 2019 23:52

L'articolo coglie un problema vero. È inutile avere i soldi se non hai il pubblico.

victorlebrun
Messaggi: 143
Iscritto il: 18 gen 2006 16:46
Località: Milano

Re: Pereira c'è

Messaggio da victorlebrun » 15 mar 2019 13:07

I soldi servono per coprire e nascondere il buco.

biancano
Messaggi: 102
Iscritto il: 07 dic 2014 13:32

Re: Pereira c'è

Messaggio da biancano » 15 mar 2019 15:08

mi sembra che anche il Met abbia lo stesso problema...

albertoemme
Messaggi: 865
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Pereira c'è

Messaggio da albertoemme » 15 mar 2019 17:02

Se divento sovraintendente prometto di acquistare 300/400 spettatori gonfiabili. Per incominciare, poi di li a poco cercherò di migliorare la programmazione.-

Dr.Malatesta
Messaggi: 2919
Iscritto il: 23 gen 2008 14:06

Re: Pereira c'è

Messaggio da Dr.Malatesta » 15 mar 2019 19:41

victorlebrun ha scritto:
15 mar 2019 13:07
I soldi servono per coprire e nascondere il buco.
Ma va? Pensavo che i soldi li usassero per tappezzare il bar del foyer, guarda... Che i soldi servano per coprire una perdita mi sembra ovvio, scontato, banale. Capisco che quando si parla della Scala non va mai bene niente, però un minimo di onestà intellettuale... Poi l'articolo di Dagospia (sulla cui autorevolezza stendo un pietoso velo), fa acqua da tutte le parti... Che cosa vuole dire? Che si devono fare titoli nazional popolare per riempire il teatro di turisti? Che non si devono fare opere straniere? Che il Fidelio non va eseguito a Milano? I 1000 posti liberi a sera, però, non è veritiero. C'è anche da dire, infine, che l'opera e la musica classica attirano in Italia un pubblico meno numeroso che in altri paesi europei: inutile girarci intorno...all'italiano piace di più il pallone e l'isola dei famosi di Fidelio, Traviate o qualsiasi altro titolo vi venga in mente. Credo sia ormai una battaglia persa.
Matteo

fuor del mar ho un mare in seno

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 702
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: Pereira c'è

Messaggio da massenetiana » 15 mar 2019 21:27

Dr.Malatesta ha scritto:
15 mar 2019 19:41
C'è anche da dire, infine, che l'opera e la musica classica attirano in Italia un pubblico meno numeroso che in altri paesi europei: inutile girarci intorno...all'italiano piace di più il pallone e l'isola dei famosi di Fidelio, Traviate o qualsiasi altro titolo vi venga in mente. Credo sia ormai una battaglia persa.
Vero, è una triste realtà... e meno male che l'Italia è la patria dell'opera...
Ben vengano i soldi degli arabi alla Scala, magari questo discorso si potesse estendere al San Carlo...
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

ZetaZeta
Messaggi: 398
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Pereira c'è

Messaggio da ZetaZeta » 15 mar 2019 23:54

massenetiana ha scritto:
15 mar 2019 21:27
Dr.Malatesta ha scritto:
15 mar 2019 19:41
C'è anche da dire, infine, che l'opera e la musica classica attirano in Italia un pubblico meno numeroso che in altri paesi europei: inutile girarci intorno...all'italiano piace di più il pallone e l'isola dei famosi di Fidelio, Traviate o qualsiasi altro titolo vi venga in mente. Credo sia ormai una battaglia persa.
Vero, è una triste realtà... e meno male che l'Italia è la patria dell'opera...
Ben vengano i soldi degli arabi alla Scala, magari questo discorso si potesse estendere al San Carlo...
No. Non è una battaglia persa. E' una battaglia mai iniziata dalla scuola, dal cosiddetto mondo culturale e tanto meno dallo schifo di televisione che abbiamo in Italia, e sarebbe ora di svegliarsi e iniziare a combatterla.

Rispondi