Libro sul comò?

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 27793
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Tosca » 07 gen 2019 05:38

Misia, hai letto Fiori sopra l'inferno di Ilaria Tuti?
Se sì: che ne pensi?
Mi è piaciuto parecchio!

Eleanor Oliphant sta benissimo: lo consiglio!
Ho poi riletto, da adulta consapevole e non da ragazzetta curiosa, Peyton Place: l'ho trovato parecchio interessante e meritevole "di dignità".
Di seguito sono passata a La casa sopra i portici, di Carlo Verdone, non male, e poi a Pizzeria Vesuvio, di Walter Riso, bellino!, e infine a Il sogno della macchina da cucire di Bianca Pitzorno, molto carino, garbato e ben scritto.
Tutte lettore piacevoli, giuste per "passare un'influenza".


Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13623
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Libro sul comò?

Messaggio da mascherpa » 07 gen 2019 12:20

Sto divorando Italy's Austrian Heritage – 1919-46 di Dennison I. Rusinow, uno storico di nascita statunitense e formazione inglese, tragicamente scomparso nel 2004, che dà súbito l'aria d'essere stato un ricercatore coi fiocchi (fu allievo di Deakin): ne avevo visto una recente versione tedesca in libreria a Innsbruck e risulta essere stato tradotto anche in italiano, ma, come sempre quando mi è possibile, ho preferito leggere l'originale, uscito per la OUP nel 1969 (quindi probabilmente privo di qualche aggiornamento, con buffi errori nei nomi italiani e qualcuno evidentissimo anche nelle misure di superficie — il sistema metrico decimale non doveva essere granché familiare all'autore... :) ).

Se non si trattasse di vicende piuttosto tragiche, alcuni dei fatti che vi sono magistralmente narrati potrebbero riuscire esilaranti.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Misia
Messaggi: 2602
Iscritto il: 21 ott 2010 17:36
Località: Lazio

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Misia » 08 gen 2019 09:57

Tosca ha scritto:
07 gen 2019 05:38
Misia, hai letto Fiori sopra l'inferno di Ilaria Tuti?
Se sì: che ne pensi?
Mi è piaciuto parecchio!

Eleanor Oliphant sta benissimo: lo consiglio!
Ho poi riletto, da adulta consapevole e non da ragazzetta curiosa, Peyton Place: l'ho trovato parecchio interessante e meritevole "di dignità".
Di seguito sono passata a La casa sopra i portici, di Carlo Verdone, non male, e poi a Pizzeria Vesuvio, di Walter Riso, bellino!, e infine a Il sogno della macchina da cucire di Bianca Pitzorno, molto carino, garbato e ben scritto.
Tutte lettore piacevoli, giuste per "passare un'influenza".
Tosca, Fiori sopra l'inferno non l'ho letto ma la trama e il tuo giudizio mi invogliano a farlo. La casa sopra i portici di Carlo Verdone l'ho letto anch'io, ma io amo quell'uomo, quindi non sono imparziale :mrgreen:
Chiusa, per il momento, con la minore delle Bronte la parentesi classica sono tornata alla scena criminis, con un romanzo che non so nemmeno io perché sto leggendo visto che è la classica trama con i classici elementi che mi sono venuti a noia da anni (flashback su conflitti adolescenziali+serial killer + profilerchesièformato/ainAmerica). E infatti, a un quarto di libro, mi sa di già letto e riletto. Ah, il libro è Una ragazza cattiva di Alberto Beruffi.
Dio non gioca a dadi con l'universo.
A. Einstein

Il Cosmo è anche dentro di noi. Siamo fatti di materia stellare. Noi siamo la via attraverso la quale il Cosmo conosce se stesso.
C. Sagan

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1256
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Ruan Ji » 09 gen 2019 03:49

mascherpa ha scritto:
07 gen 2019 12:20
Sto divorando Italy's Austrian Heritage – 1919-46
Un argomento che mi e' diventato particolarmente caro nell'ultimo anno, ovvero da quando la nostra azienda e' entrata a far parte di un gruppo austriaco basato a Linz. Da un anno l'organigramma e' in balia di un "culture clash" che non mi sarei aspettato, non fosse altro che viste dalla Cina, Italia e Austria appaiono talmente vicine. E tuttavia il nostro CEO utilizza sovente un adagio austriaco che in inglese dovrebbe suonare "Austrians are an unsuccessful attempt by God to turn Germans into Italians”, a riprova che sono piu' i punti in comune che le differenze. In ogni caso io sto vivendo una mia "primavera austriaca" grazie a questa opportunità e mi sto finalmente muovendo oltre quel "Giardino di Alcina" salisburghese che mi ha trattenuto fra le sue delizie (talvolta invero fittizie) negli ultimi dieci anni. :P
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13623
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Libro sul comò?

Messaggio da mascherpa » 09 gen 2019 09:59

Ruan Ji ha scritto:
09 gen 2019 03:49
...un adagio austriaco che in inglese dovrebbe suonare "Austrians are an unsuccessful attempt by God to turn Germans into Italians”...
Forse, però, c'è riuscito con i Wiener Philharmoniker, che quella volta che Karajan si lamentò perché con loro non riusciva mai a provare cosí tanto come con i Berliner, si racconta gli abbiano risposto: "Faccia pure lavorare quelli, maestro, che sono Tedeschi e gli piace tanto...".

Se non è vero, è ben trovato.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16361
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Libro sul comò?

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 09 gen 2019 14:09

Sto leggendo "Middleamarch" e non si capisce un'acca.

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1256
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Ruan Ji » 09 gen 2019 15:26

UltrasFolgoreVerano ha scritto:
09 gen 2019 14:09
Sto leggendo "Middleamarch" e non si capisce un'acca.
Ma almeno fino a “Middlemarc” capisci..?
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16361
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Libro sul comò?

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 09 gen 2019 20:59

Ruan Ji ha scritto:
09 gen 2019 15:26
UltrasFolgoreVerano ha scritto:
09 gen 2019 14:09
Sto leggendo "Middleamarch" e non si capisce un'acca.
Ma almeno fino a “Middlemarc” capisci..?
Si per fortuna.

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 27793
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Tosca » 10 gen 2019 12:13

Sto leggendo Il matrimonio di mio fratello, di Enrico Brizzi.
Avevo sentito parlare, a suo tempo, di Jack Frusciante è uscito dal gruppo ma, allora, non mi interessò più di tanto: reputavo Brizzi "troppo giovane per me".
Complice la solita offerta del giorno Kindle, ho preso, ai soliti 0,99 centesimi, appunto Il matrimonio di mio fratello che, a onor del vero, ha fatto una lunga quarantena tra i libri da leggere.
Eh, che dire? Mi garba! L'Italia di cui parla Brizzi è quella che di cui abbiamo ricordi molto freschi; la famiglia di cui parla avrebbe potuto essere la mia famiglia. Scritto con garbo, ironia e pervaso da un bel ritmo.
Credo proprio che alla fine di questo viaggio (ché di viaggi si parla) cercherò il Jack Frusciante.
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
Misia
Messaggi: 2602
Iscritto il: 21 ott 2010 17:36
Località: Lazio

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Misia » 10 gen 2019 14:13

Tosca ha scritto:
10 gen 2019 12:13
Sto leggendo Il matrimonio di mio fratello, di Enrico Brizzi.
Avevo sentito parlare, a suo tempo, di Jack Frusciante è uscito dal gruppo ma, allora, non mi interessò più di tanto: reputavo Brizzi "troppo giovane per me".
Complice la solita offerta del giorno Kindle, ho preso, ai soliti 0,99 centesimi, appunto Il matrimonio di mio fratello che, a onor del vero, ha fatto una lunga quarantena tra i libri da leggere.
Eh, che dire? Mi garba! L'Italia di cui parla Brizzi è quella che di cui abbiamo ricordi molto freschi; la famiglia di cui parla avrebbe potuto essere la mia famiglia. Scritto con garbo, ironia e pervaso da un bel ritmo.
Credo proprio che alla fine di questo viaggio (ché di viaggi si parla) cercherò il Jack Frusciante.
Io lessi Jack Frusciante quando uscì, e all'epoca lo trovai bellino. Sempre di Brizzi ho sul Kindle Tu che sei di me la miglior parte, che voglio leggere perché è ambientato negli anni Ottanta, epoca della mia pubertà/adolescenza, ed essendo un po' nostalgica di quegli anni, anche se allora non lo avrei mai detto (come accade a tutti) mi ci tuffo volentieri con un romanzo i cui protagonisti sono appunto adolescenti di quel periodo lì.
Dio non gioca a dadi con l'universo.
A. Einstein

Il Cosmo è anche dentro di noi. Siamo fatti di materia stellare. Noi siamo la via attraverso la quale il Cosmo conosce se stesso.
C. Sagan

Rispondi