Il Festival Pucciniano

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Rispondi
gabrieleburchi
Messaggi: 328
Iscritto il: 06 mag 2012 13:14

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da gabrieleburchi » 29 lug 2018 08:48

Purtroppo i primi spettacoli andati in scena al Festival confermano le gravi pecche dello scorso anno: direzioni mediocri e cantanti non sempre adeguati ( la Liù di cui sopra veramente incommentabile, basta leggere la recensione in homepage).
Note positive: Martina Serafin, professionista di gran levatura, il Calaf efficace di Laga, anche se poco raffinato, e il nuovo allestimento di Tosca a cura di Del Monaco ( finalmente un VERO regista, con idee non banali), monumentale e classicissimo, forse lo spettacolo più bello visto al Pucciniano insieme a La Bohème di Scola del 2014.
Inoltre la ripresa dell'allestimento Yasuda-Hewitt di Madama Butterfly, sempre di grande fascino nonostante i 18 anni ( peccato non si possa dire altrettanto della protagonista alla prima).
Venerdì vedrò La Bohème con regia di Signorini.
Ultima modifica di gabrieleburchi il 29 lug 2018 09:05, modificato 1 volta in totale.


Lasciatemi seguire il mio destino

Avatar utente
asklepio
Messaggi: 13016
Iscritto il: 08 ago 2005 00:18
Località: Pistoia

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da asklepio » 29 lug 2018 08:49

gabrieleburchi ha scritto:
29 lug 2018 08:48
Venerdì vedro La Bohème con regia di Signorini.
Avgvri. ;-)
Prendete un'ostrica bella signora
alla buonora, alla buonora

Immagine

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 623
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da marcob35 » 29 lug 2018 09:52

asklepio ha scritto:
29 lug 2018 08:49
gabrieleburchi ha scritto:
29 lug 2018 08:48
Venerdì vedro La Bohème con regia di Signorini.
Avgvri. ;-)
Al vero sono in diversi a pensar che andare a Torre del Lago sia di pessimo gusto e denota una totale mancanza di musicalità.
Tali persone inoltre e del resto non capiscono come si possa andare a vedere e sentire quei grandissimi capolavori di un compositore tanto importante in un luogo malsano, pieno di zanzare, umido, desesperadas ma soprattutto generalmente suonati (i capolavori) da una orchestra raccogliticcia,spesso con direttori poco dotati e privi di qualsiasi talento che devono solo al nome del padre la loro posizione...
Ma magari sbagliano, eh!
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

gabrieleburchi
Messaggi: 328
Iscritto il: 06 mag 2012 13:14

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da gabrieleburchi » 29 lug 2018 10:23

Il luogo di per se merita e sui "maledetti toscani", me compreso, esercita un fascino troppo forte. Sul resto purtroppo non mi resta che essere d'accordo. L'orchestra se diretta da bravi maestri, come è capitato nel passato recente ma non recentissimo, suona bene.
Lasciatemi seguire il mio destino

fraaaa
Messaggi: 414
Iscritto il: 03 gen 2016 18:24

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da fraaaa » 29 lug 2018 12:20

gabrieleburchi ha scritto:
29 lug 2018 10:23
Il luogo di per se merita e sui "maledetti toscani", me compreso, esercita un fascino troppo forte. Sul resto purtroppo non mi resta che essere d'accordo. L'orchestra se diretta da bravi maestri, come è capitato nel passato recente ma non recentissimo, suona bene.
Mah...bene...

Bene ma non benissimo

tebamassi65
Messaggi: 287
Iscritto il: 01 lug 2013 17:03

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da tebamassi65 » 29 lug 2018 12:33

...e comunque per "Il Trittico dovrebbe esserci l'orchestra dell' ORT...

Avatar utente
Neldìdellavittoria
Messaggi: 229
Iscritto il: 12 nov 2017 20:30

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da Neldìdellavittoria » 29 lug 2018 12:37

È ovvio che un direttore con un minimo non dico di talento, ma anche solo di mestiere, riesca a guidare un'orchestra in modo più saldo rispetto a certi figuri che gravitano a Torre del Lago... Però io da semplice appassionata mi pongo una domanda: è mai possibile che un'orchestra che suona ogni anno le stesse opere non sia ancora riuscita a raggiungere un livello musicale soddisfacente, almeno in quel repertorio? Lo so che il direttore svolge un ruolo importantissimo, essenziale, e le opere di Puccini non sono certo facili da gestire... Però non sarebbe legittimo aspettarsi un'esecuzione perlomeno sufficientemente precisa?
Die bitteren Tränen der Petra von Kant

gabrieleburchi
Messaggi: 328
Iscritto il: 06 mag 2012 13:14

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da gabrieleburchi » 29 lug 2018 14:31

Neldìdellavittoria ha scritto:
29 lug 2018 12:37
Lo so che il direttore svolge un ruolo importantissimo, essenziale, e le opere di Puccini non sono certo facili da gestire... Però non sarebbe legittimo aspettarsi un'esecuzione perlomeno sufficientemente precisa?
Fidati che certi "direttori" riescono veramente a mandare all'aria tutto l'organico!
Lasciatemi seguire il mio destino

ZetaZeta
Messaggi: 741
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da ZetaZeta » 29 lug 2018 18:12

Io comunque son curioso di sentire il Convitato di Pacini e Motezuma di Galuppi.

Janis&Opera
Messaggi: 153
Iscritto il: 07 giu 2017 14:26

Re: Il Festival Pucciniano secondo il TG3-Toscana

Messaggio da Janis&Opera » 30 lug 2018 11:29

Prendo spunto dalla recensione appena pubblicata in home page riguardo alla Manon Lescaut del 26 luglio per parlare di questa rappresentazione, alla quale ho assistito anch'io.
Innanzitutto preciso che, quando mesi fa ho acquistato i biglietti, oltre a non essere palesati i nomi degli interpreti, neanche si parlava di opera in forma semi scenica o concertata. Mah....... :shock:
In generale le mie impressioni riguardo alla serata corrispondono a quelle riportate nella recensione sopra citata.
Aggiungerei che, se da una parte l'interpretazione di Makvala Aspanidze è stata garbata e appropriata, dall'altra si sono rivelati evidenti problemi negli acuti, quasi tutti risultati disturbanti per il mio orecchio.
Carenti coro e orchestra, che non hanno saputo raccontare la passione e lo struggimento del giovane Puccini. Il famoso "intermezzo" ne è uscito molto ma molto penalizzato.

Ora, se la serata si fosse svolta in un altro luogo, lontano da dove il Maestro ha composto; se il biglietto nel primo settore non fosse costato Euro 159,00;
se il tutto si fosse svolto che sò nel teatro della Parrocchia, avrei anche potuto apprezzare lo sforzo che la compagnia intera ha fatto per sostenere la prova (perchè di sforzo si è trattato); ma poichè stavamo proprio lì, a 50 metri da dove il maestro ha vissuto (e magari pure dall'alto ci ascoltava) e il costo del biglietto era da teatro serio, allora no, una Manon così proprio no.
Mi domando: ma bisognava proprio andare a scomodare l'orchestra di Tblisi? Per cosa? :scemo

Rispondi