Henry Duparc

per discutere di tutto quel che riguarda la musica sacra e vocale non operistica

Moderatore: Berlioz

Rispondi
Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13222
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Henry Duparc

Messaggio da mascherpa » 18 feb 2016 13:12

Ho letto con grande piacere la recensione del disco che due interpreti italiani hanno dedicato alle mélodies di questo compositore francese. Come nota molto giustamente Alessandro Cammarano, si tratta d'un repertorio poco noto in Italia (e non molto noto anche in ambito austrotredesco, dove lo scorso agosto fu salutato con una certa sopresa il récital della Christiane Karg al Mozarteum, che abbinava appunto Wolf ad alcuni autori francesi e americani).

Ancor meno noto in Italia sembra fosse Duparc nel 1992, quando un mio amico (musicista validissimo, ma non tale di professione...) preparò un soprano inglese che concorreva per entrare nel coro dell Scala. L'aveva convinta a non cedere alla prevedibilità d'un paio d'arie di Händel come "pezzi liberi" e a portare, invece, proprio qualche mélodie di Duparc: dapprima la commissione esaminatrice cadde dalle nuvole, poi fu impressionata molto positivamente.


Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
legolas
Site Admin
Messaggi: 15162
Iscritto il: 20 ago 2003 09:11
Località: Bosco Atro Settentrionale
Contatta:

Re: Henry Duparc

Messaggio da legolas » 26 apr 2016 15:13

Perfetto, in un Liederabend, il connubio Wolf-Duparc. Diversi nella forma, ma simillimi nei contenuti e nella visione della vocalità da camera.
BLOND OUTSIDE, PLATINIUM INSIDE

Rispondi