Bazzecole ferroviarie

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Rispondi
ZetaZeta
Messaggi: 128
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Bazzecole ferroviarie

Messaggio da ZetaZeta » 03 set 2017 08:14

Da appassionato di ferrovie, ho seguito la discussione e in questo nuovo topic mi permetto di chiarire alcune affermazioni inesatte:
- le 691 furono le locomotive più veloci (130 km/h), forse le più belle insieme alle 746, ma furono comunque derivate da trasformazioni di locomotive preesistenti con un riuscito compromesso. Le più potenti locomotive delle FS furono le 746. Potete ammirarle entrambe a Milano al museo della Scienza e della Tecnica.
- le 691 non sono mai state colorate in argento, eventualmente alcune in grigio ma solo per la foto ufficiale, hanno sempre fatto servizio con la colorazione nero/rosso.
- la locomotiva della foto è la 685.182 (costruzione Breda 1921), non era una trasformazione del gruppo 680 (quelle trasformate sono le 685.300) ma nacque come 685, qui è ripresa subito dopo la guerra (negli anni '30 avrebbe avuto il fascio littorio e le condotte del freno alte), quando appunto era assegnata a Pescara per il servizio verso Ancona. Queste macchine non facevano servizio sulla Roma-Sulmona perché elettrificata, come giustamente detto, tuttavia da Pescara a Sulmona i treni Rapidi che io sappia erano affidati alle 745, ma in questo caso potrebbe essere una presenza occasionale, mentre gli accelerati alle 940 (non alle 740); tra l'altro vorrei sottolineare che le 745 con una velocità media di 63,5 km/h ci mettevano 50 minuti contro i 54 di un regionale veloce attuale...
Se può interessare, la 685.182 dopo il 1960 ha terminato il servizio a Torino ed è stata demolita nel 1967.
Ultima modifica di ZetaZeta il 03 set 2017 08:30, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
otto
Messaggi: 315
Iscritto il: 21 nov 2016 14:18

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da otto » 03 set 2017 08:21

Immagino "ZetaZeta" abbia visto il "topic" che segue, ma lo indico comunque: un illustre collega diviso tra la passione per la musica e le ferrovie...

viewtopic.php?f=1&t=22310
___________________________________________________________________________________
Otto
To be, or not to be
Immagine

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13205
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da mascherpa » 03 set 2017 14:25

ZetaZeta ha scritto:...le 691 non sono mai state colorate in argento, eventualmente alcune in grigio ma solo per la foto ufficiale, hanno sempre fatto servizio con la colorazione nero/rosso.
Credo per argento e grigio intendiamo lo stesso colore; m'è ovviamente impossibile dimostrare che qualche domenica mattina (o uno dei numerosi gironi festivi di primavera soppressi negli anni Settanta) del '54 o del '55 abbia visto personalmente alla Centrale di Milano alla testa di treni almeno una 691 non in nero-rosso ma in grigio-argento, ma ripeto che me lo ricordo perché l'insolita apparizione mi colpì moltissimo. Ovviamente non posso escludere che si trattasse di treni speciali.

Mi risultano successive "ondate" di trasformazioni delle 680, la prima negli anni Venti con l'adozione del surriscaldamento: a queste trasformate, non dubito costruita ex novo come hai precisato, dovrebbe essere identica la n. 182. La campagna di trasformazioni sfociata della serie 300 è più recente: oltre al surriscaldamento aggiunse un preriscaldamento (Knorr) e adottò un nuovo sistema di distribuzione (Caprotti).

Infine, la potenza massima delle 746 e delle 691 dovrebbe essere stata la stessa, 1750 CV nominali continuativi, come abbastanza ovvio poiché le serie più potenti del gruppo 691 montarono le stesse caldaie delle più potenti tra le 746. Ma per i differenti rapporti di trasmissione, la potenza massima era sviluppata dalle 691 a 90 km/h, quelle delle 746 a 65 km/h, il che, insieme al diverso peso per asse motore, ne definiva il diverso utilizzo.

Si sprecano gli esempi di riduzione delle velocità commerciale nonostante tutti i progressi pensabili e pensati...
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

ZetaZeta
Messaggi: 128
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da ZetaZeta » 03 set 2017 22:05

E' vero che la potenza delle 691 dovrebbe essere uguale a quella delle 746, ma solo per la III serie che ha la caldaia uguale (internamente). Diciamo che l'ho considerata leggermente inferiore facendo una media tra le tre serie. Ti invidio profondamente per aver potuto vedere sbuffare queste belle locomotive ai tempi... della Callas :)
Io penso che quella che hai visto tu non fosse grigia ma di un nero molto lucido (allora usava lucidare le locomotive come fossero gioielli, finezze d'altri tempi..)
Riguardo alle 680 trasformate in 685 appartengono alle seguenti serie: 685.3XX con distribuzione Walshaerts; 685.5XX Caprotti e S.685.5XX Caprotti con preriscaldatore Knorr.
Le locomotive 685.001-241 e 955-984 (Caprotti) invece costruite come tali.

Avatar utente
manrico64
Site Admin
Messaggi: 17555
Iscritto il: 10 lug 2001 23:31
Contatta:

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da manrico64 » 03 set 2017 22:23

ce la fareste ad allegare qualche foto di questi gioielli? Io non sono un esperto ma tutto ciò che è meccanica e tecnologia mi affascina... e le ammirerei molto volentieri.
Se non vi è troppo disturbo naturalmente.
Danilo

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13205
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da mascherpa » 04 set 2017 09:09

Immagine

Quella sopra era una 746, quella sotto una 691.

Immagine

Di fatto, negli anni Cinquanta le 691 facevano servizio solo sulla Milano-Domodossola e sulla Milano-Venezia (fino al '57). Resta il mistero del "grigio-argento" (che lucido non ricordo proprio, ma avevo otto o nove anni e a quell'età si sovrappongono facilmente le proprie fantasie alla realtà: pensa, ad esempio, che all'Arena, nel 1956, m'impressionò moltissimo lo Scarpia di Gobbi. Poi ci si fa esperienza, se ci si riesce...). Cercherò tra i vecchi filmini di casa: magari una di quelle mattine festive avevo rotto così tanto le palle a mio padre da convincerlo a qualche ripresa.
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 27252
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da Tosca » 04 set 2017 11:08

mascherpa ha scritto:(che lucido non ricordo proprio, ma avevo otto o nove anni e a quell'età si sovrappongono facilmente le proprie fantasie alla realtà
OT: anche da vecchi. Continuo a dire che il Peter Grimes diretto da Pappano nell'ottobre del 2013, a Santa Cecilia, era in forma scenica. Ma tutto fu così assolutamente bello ed evocativo che io ho visto quello che non c'era.

Scusate. Mi ritiro in buon ordine e vi lascio ai treni.
Immagine

Marilisa Marilì Lazzari

"Suzuki, il thè"

ZetaZeta
Messaggi: 128
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da ZetaZeta » 04 set 2017 16:30

685-089_19_19.jpg
Ecco la 685.089, una delle due conservate funzionanti, in una bella foto di P. Carnetti a Borgo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
manrico64
Site Admin
Messaggi: 17555
Iscritto il: 10 lug 2001 23:31
Contatta:

Re: Bazzecole ferroviarie

Messaggio da manrico64 » 04 set 2017 18:08

davvero stupende
Danilo

Rispondi