Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale

Moderatore: Berlioz

daphnis
Messaggi: 1151
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da daphnis » 07 set 2017 14:23

Al limite della presa per i fondelli l'apparizione al Dal Verme di Milano di Gianandrea Noseda alla guida dell'orchestra del Regio di Torino. Non per loro che sono disciplinati e cresciuti anche se il suono non è quello di un'orchestra sinfonica. Ma per lui, per l'atteggiamento, per le letture, buttate lì a tutta fretta e frenesia e suono stitico, privo di qualunque espressione, di Dvorak (La Colomba Selvatica), Smetana (La Moldava più asettica mai ascoltata, un fiumicello isterico in crisi idrica, qualcuno paghi a Noseda un viaggio a Praga, perché si faccia un'idea) poi la Pastorale di Beethoven (che ho piantato lì prima della fine) con lui sul podio su un seggiolino per recente intervento chirurgico, il che non impediva le occhiate estatiche e ipereccitate al cielo e l'agitazione frenetica. Inchini rapidissimi, fretta di andare a casa.

Questo MiTo è un mistero da quando Milano si è inserita su Torino che faceva l'ottimo Settembre Musica. I concerti hanno quasi sempre un esito gelido e frettoloso, si ha l'impressione che tutto sia fatto in economia, se arrivano orchestre sono reduci da tournèe e forniscono i saldi di stagione dando il minimo. Una manifestazione sbagliata fin da quando Milano ci è entrata, che non riesce a darsi un'impronta di qualità. Milano avrebbe bisogno di una stagione sinfonica VERA, non di queste dilettantesche proposte.

marco vizzardelli



patrizia.f
Messaggi: 316
Iscritto il: 02 ott 2002 16:49
Località: Milano

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da patrizia.f » 08 set 2017 18:04

Ho evitato accuratamente il concerto di Noseda e quindi non lo commento.Non sono però d'accordo sul commento di Marco riguardo a MITO. Siamo appena al sesto giorno ed ho assistito a:

- 4/9: tutto Vivaldi con Modo Antiquo diretto da Federico Maria Sardelli, massimo esperto di Vivaldi
- 4/9: Il Diluvio, oratorio di M.Falvetti. Oratorio sconosciuto: un festival è l'occasione più propizia per farlo conoscere
- 5/9: Alessandro Scarlatti e Corelli, con I Musici di Santa Pelagia diretti da Maurizia Fornero, bravissimi
- 6/9: Madrigali di Monteverdi con Collegium Vocale et Instrumentale Nova Ars Cantandi diretti da Giovanni Acciai, concerto da levare il fiato
- 7/9: Die schone mullerin con J Bostridge - J. Drake, un'emozione infinita.

e siamo solo alla prima settimana. Certo ho scelto accuratamente senza lasciarmi fuorviare dai nomi più famosi, ma per il momento sono molto soddisfatta. La prossima settimana mi aspettano la Barocca con Ruben Jais e G.Capuano, Coro e Orchestra del Santo Spirito con O.Dantone, oltre che tantissimi altri concerti.

L'unica scocciatura è che essendo quasi tutti gratis (!) sono affollatissimi e bisogna essere nel luogo del concerto almeno un'ora prima 8)
Patrizia

daphnis
Messaggi: 1151
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da daphnis » 09 set 2017 16:21

...e sui concerti citati hai sicuramente ragione.

Ma... a quando, a Milano, una vera stagione sinfonica di alto livello? (la Filarmonica non fa una stagione e la Verdi ha deciso di immediocrirsi)


marco vizzardelli

patrizia.f
Messaggi: 316
Iscritto il: 02 ott 2002 16:49
Località: Milano

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da patrizia.f » 09 set 2017 22:21

Marco hai ragione.

Però non penso che MITO possa o voglia essere l'alternativa alle stagioni sinfoniche di Milano, cioè principalmente della Scala e della Verdi. Ricordiamoci che è un festival, magari un po' nebuloso come programmazione (l'anno scorso il tema era padri e figli e quest anno è la natura, in ambedue i casi un pretesto per far passare qualsiasi programma....), ma che deve, e in alcuni casi lo fa alla grande, fornire stimoli, novità, magari qualche grande nome, moltissimi giovani. E Milano sta rispondendo alla grande, sobbarcandosi molte volte dei veri viaggi perchè le sedi sono spesso decentrate in periferia (il concerto di Bostridge era al Teatro della Cooperativa, dopo Niguarda) come è giusto che sia per un festival che vuole raggiungere tutti. E parlo di un pubblico attento, non un colpo di tosse (forse la stagione è propizia...) nè tanto meno un applauso alla fine di un tempo. Anche le foto con i cellulari sono ridotti al minimo, tutti alla fine del concerto quando ci sono gli applausi, che sono tanti, ma veramente tanti.

Tornando ai concerti sinfonici, penso che siano la parte più debole a mio avviso del festival, sia come direttori che come programmi (ma abbiamo proprio voglia di sentire l'ennesima Pastorale diretta da Noseda? Io no, grazie), ma la ricchezza della programmazione, fino a due o tre concerti al giorno, per fortuna permette di scegliere, talvolta con il rimpianto di non avere il dono dell'ubiquità.

Patrizia

Avatar utente
otto
Messaggi: 315
Iscritto il: 21 nov 2016 14:18

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da otto » 11 set 2017 07:22

Trovo Noseda un direttore come tanti e abbastanza noioso e qualunquista. Una sua "Aida" al Regio di Torino mi parve la quintessenza della banalità. Certe volte basta una prova così a sfatare (per me) un "mito" costruito. A proposito di pancia che intuisce.
_____________________________________________________
Otto
To be, or not to be
Immagine

violamargherita
Messaggi: 749
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da violamargherita » 11 set 2017 09:51

daphnis ha scritto:Al limite della presa per i fondelli l'apparizione al Dal Verme di Milano di Gianandrea Noseda alla guida dell'orchestra del Regio di Torino.
Conoscendo il soggetto in questione, non ho dubbi sul tuo giudizio.
Rimane il fatto che anche il peggior Noseda offre al pubblico di Milano comunque di più di quanto possano offrirgli i due sciagurati direttori residenti, vale a dire - in ordine discendente - Claus Peter Flor (La Verdi) e Riccardo Chailly (Teatro alla Scala).

daphnis
Messaggi: 1151
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da daphnis » 11 set 2017 11:27

La Verdi è un caso quasi disperato. Ho passato anni, anche su questo forum, a difenderla, sperando che l'avvento di un giovane direttore quale Iader Bignamini, che all'orchestra aveva dato suono e "proporzione" (regolarmente mandati all'aria dal baccano cinese-americano altrui) fosse un'occasione colta da una dirigenza che da anni ed anni piange miseria (ma: è possibile? Abbiamo firmato fior di sottoscrizioni ma, alla fin fine, certe perplessità ministeriali sembrano, in questo caso specifico, non prive di fondamento...) ma che - se si pensa alle occasioni perse, a certi nomi passati da qui e mai fermatisi - non è mai stata capace di fare il salto da una frenetica (lodevole, per carità, come farne un torto agli orchestrali?) attività ad un superiore livello artistico. Le recenti scelte di discutibilissimi direttori "di riferimento" (mi si riferisce che la recente apparizione con Fournillier sia stata un mezzo disastro che segue gli "estri" - chiamiamoli così - dell'altro riferimento Flor) sembrano condannarla ad una mediocre, perenne serie B (o C). L'addio di Corbani appare un ulteriore segno di decadenza. Spiace, e molto, per gli orchestrali. Ma solo per loro.
Quanto a Claus Peter Flor e Chailly, concordando fondamentalmente con Violamargherita, mi chiedo se si tratti di designazioni legate fra loro.

marco vizzardelli

fraaaa
Messaggi: 92
Iscritto il: 03 gen 2016 18:24

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da fraaaa » 11 set 2017 18:32

Daphnis dici "peccato x gli orchestrali". In una intervista recente di Jais il maestro dice che il maestro Flor e'stato scelto/voluto/ben accolto dagli stessi musicisti. Chi e'causa del suo mal..

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 12366
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da Tebaldiano » 12 set 2017 02:27

violamargherita ha scritto:anche il peggior Noseda offre al pubblico di Milano comunque di più di quanto possano offrirgli i due sciagurati direttori residenti, vale a dire - in ordine discendente - Claus Peter Flor (La Verdi) e Riccardo Chailly (Teatro alla Scala).
Quindi, solo per capire, Chailly sarebbe una sciagura peggiore della peggior versione di uno strazio?
Immagine

violamargherita
Messaggi: 749
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: Noseda a Milano per Mi.To ma che strazio!

Messaggio da violamargherita » 12 set 2017 08:52

Tebaldiano ha scritto:
violamargherita ha scritto:anche il peggior Noseda offre al pubblico di Milano comunque di più di quanto possano offrirgli i due sciagurati direttori residenti, vale a dire - in ordine discendente - Claus Peter Flor (La Verdi) e Riccardo Chailly (Teatro alla Scala).
Quindi, solo per capire, Chailly sarebbe una sciagura peggiore della peggior versione di uno strazio?
Sì, lo è.

Rispondi