Hans Rott

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale

Moderatori: paperino, legolas, Berlioz

Hans Rott

Messaggioda pbialetti » 10 gen 2017 22:56

Ho ricevuto in regalo il CD della Sinfonia in mi maggiore di Hans Rott e ne sono rimasto a dir poco sbalordito. Rott era di due anni più vecchio di Mahler (nato nel 1858) e fu suo compagno di studi a Vienna. Inseguì invano il successo, soprattutto con questa sinfonia, che fu però giudicata con sufficienza dai contemporanei, tra cui Brahms, tanto che non si arrivò mai ad una sua esecuzione durante la vita dell'autore. Rott alla fine "uscì pazzo" e fu internato in manicomio, dove morì di tubercolosi a soli 25 anni di età. Mahler lo stimava molto, riconoscendolo addirittura come "il fondatore della nuova sinfonia, come lui la intendeva".
In effetti in questa sinfonia una vicinanza con Mahler è assolutamente percepibile, insieme ad un evidente influsso di Bruckner (suo insegnante di organo) e di Wagner, e in certi punti si percepisce anche qualche eco brahmsiano. Il finale è una evidente citazione del finale della Walkiria, con un accordo arcano (presumo di mi maggiore, tonalità di impianto della sinfonia, anche se non ho né la partitura né l'orecchio assoluto - in tal caso la citazione sarebbe letterale) che si spegne lentamente. Insomma a me sembra un pezzo davvero bellissimo. Per quel che ne so, non si esegue quasi mai. Qualcuno l'ha ascoltata dal vivo? O anche solo in disco?
pbialetti
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Hans Rott

Messaggioda mascherpa » 11 gen 2017 14:00

Non conosco nulla di Rott, ma il tuo coinvolgimento per la sua Prima Sinfonia m'ha convinto e ne ho ordinato una delle registrazioni sul mercato (invero non poche).

Per ringraziarti, non so se adeguatamente, ti segnalo la monumentale Sonate pour piano di Jean Barraqué, composta intorno al 1950. Ricordo che ne ebbi notizia dal giovane Fabio Vacchi, che ne parlava con grande entusiasmo il giorno che casualmente ci trovammo nella stessa auto per andare da Venezia all'antegenerale bolognese de Le grande macabre (credo fosse il 1979). La registrazione che conosco è quella di Claude Helffer.
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;
Avatar utente
mascherpa
 
Messaggi: 12905
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Hans Rott

Messaggioda UltrasFolgoreVerano » 11 gen 2017 17:22

Si puo' sapere che edizione discografica ti hanno regalato, pbialetti?

Anch'io molto curioso di sentirlo, anche perche' adoro moltissimo Mahler (a differenza di Brahms o Schumann ad esempio). Grazie!
Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
 
Messaggi: 15967
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)

Re: Hans Rott

Messaggioda pbialetti » 11 gen 2017 20:45

Mi hanno regalato l'edizione della hr-Sinfonieorchester diretta da Paavo Järvi, direttore che peraltro mi piace tantissimo.
pbialetti
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Hans Rott

Messaggioda UltrasFolgoreVerano » 11 gen 2017 22:11

Grazie infinite!!!
Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
 
Messaggi: 15967
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)

Re: Hans Rott

Messaggioda Dr.Malatesta » 11 gen 2017 23:21

Già se ne parlò qualche anno fa:
http://www.operaclick.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=10212&sid=f81b764bbcbee45af06363921dec6c8e
Ho sia l'incisione di Jarvi che quella di Russell Davies (che preferisco). Ribadisco quello che scrissi allora: opera acerba, ma affascinante. Peccato Rott non abbia potuto sviluppare il suo stile sinfonico.
Matteo

fuor del mar ho un mare in seno
Dr.Malatesta
 
Messaggi: 2648
Iscritto il: 23 gen 2008 14:06

Re: Hans Rott

Messaggioda mascherpa » 12 gen 2017 09:32

Ho ordinato il disco di Russel Davies, perché Paavo Järvi resta tuttora, per me, associato al ricordo del Fidelio musicalemente infelice di Firenze (peccato proprio, con la regia che c'era...).
M'aveva tentato molto la registrazione "storica" di Leif Segerstam, un "cavallo pazzo" che a Milano, quarant'anni fa, diresse benissimo la Quinta di Bruckner e noiosissimamente il Ratto.
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;
Avatar utente
mascherpa
 
Messaggi: 12905
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Hans Rott

Messaggioda prunier » 12 gen 2017 10:10

Prova a dare un'altra chance all'ottimo Paavo: la sua integrale beethoveniana SONY/RCA (che trovi anche su YouTube) è la più bella degli ultimi vent'anni...
Vita brevis, ars longa, occasio praeceps, experimentum periculosum, iudicium difficile
Avatar utente
prunier
 
Messaggi: 2534
Iscritto il: 31 ago 2003 21:27
Località: Cassano Magnago (VA)

Re: Hans Rott

Messaggioda mascherpa » 12 gen 2017 13:17

prunier ha scritto:Prova a dare un'altra chance all'ottimo Paavo: la sua integrale beethoveniana SONY/RCA (che trovi anche su YouTube) è la più bella degli ultimi vent'anni...

Ma giusto in Beethoven lo sentii...
Sempre insonne la tua verve polemica, Nicola carissimo: una volta prendevi per genii i babbei, ora sembri preferire prendere i genii per babbei... Il buon vecchio Musil ci vedrebbe una felice evoluzione verso uno stile piú Kakanien.
:roll:
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;
Avatar utente
mascherpa
 
Messaggi: 12905
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Hans Rott

Messaggioda prunier » 12 gen 2017 13:52

mascherpa ha scritto:
prunier ha scritto:Prova a dare un'altra chance all'ottimo Paavo: la sua integrale beethoveniana SONY/RCA (che trovi anche su YouTube) è la più bella degli ultimi vent'anni...

Ma giusto in Beethoven lo sentii...
Sempre insonne la tua verve polemica, Nicola carissimo: una volta prendevi per genii i babbei, ora sembri preferire prendere i genii per babbei... Il buon vecchio Musil ci vedrebbe una felice evoluzione verso uno stile piú Kakanien.
:roll:


Giuro di non avere colto le allusioni, ma pazienza.
Vita brevis, ars longa, occasio praeceps, experimentum periculosum, iudicium difficile
Avatar utente
prunier
 
Messaggi: 2534
Iscritto il: 31 ago 2003 21:27
Località: Cassano Magnago (VA)

Prossimo

Torna a Musica Strumentale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti