Bartoli per sempre

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
ZetaZeta
Messaggi: 644
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da ZetaZeta » 11 giu 2019 20:53

mascherpa ha scritto:
11 giu 2019 11:59
Non mi sembra, caro Filippo, che tu tenga conto di due fattori fondamentali, che potrebbero indurti a rivedere il tuo "grido di dolore":
a) non si tratterà della solita "parte", ma della Rekonstruktion di quella rielaborata per Pauline Viardot quando la cantò a Petroburgo nel 1845;
b) se uno paga 440 € per una cadrega (ovvero posachiappe) di platea, è poi impossibile che trovi fuori parte alcunché.
La seconda che hai detto :wink:



Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14038
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da mascherpa » 13 giu 2019 08:58

Come diceva Mahler, "nella musica c'è molto di piú che le note".

E mi pare che quella del Don Pasquale sia Musica...
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 510
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da Giulio Santini » 13 giu 2019 09:21

In effetti anche io più che al Mi bemolle ho pensato con una certa perplessità a una Norina-Virago di cinquantaquattr'anni.... poi sarà bravissima, per carità.

pbialetti
Messaggi: 479
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da pbialetti » 13 giu 2019 10:45

Giulio Santini ha scritto:
13 giu 2019 09:21
... ho pensato con una certa perplessità a una Norina-Virago di cinquantaquattr'anni.... poi sarà bravissima, per carità.
Beh, se la vedi così, le cantanti dovrebbero smettere tutte a trent'anni, avendo superato l'età di gran parte delle figure che interpretano e uno come Pavarotti avrebbe dovuto fare un altro mestiere.

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14038
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da mascherpa » 13 giu 2019 11:11

Per quel che mi riguarda, non pensavo all'aspetto fisico, né la Bartoli, seppure da gran tempo "paffuta", mi sembra una "virago" propriamente detta.

Pensavo invece a una certa elegante e simpatica sfacciataggine implicita già in «So anch'io la virtú magica»...
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 510
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da Giulio Santini » 13 giu 2019 11:19

pbialetti ha scritto:
13 giu 2019 10:45
Giulio Santini ha scritto:
13 giu 2019 09:21
... ho pensato con una certa perplessità a una Norina-Virago di cinquantaquattr'anni.... poi sarà bravissima, per carità.
Beh, se la vedi così, le cantanti dovrebbero smettere tutte a trent'anni, avendo superato l'età di gran parte delle figure che interpretano e uno come Pavarotti avrebbe dovuto fare un altro mestiere.
Non è tanto una questione di età anagrafica relativa al personaggio interpretato, anche perché esistono dei ruoli che, voi mi insegnate, non si prestano a voci esordienti eppure sono figure nel fiore degli anni. Però la voce, la fisicità e anche la storia professionale (il mio iperbolico Virago deriva anche dal suo ricordo in arie eroiche per voce di castrato, anche se non sono per niente sicuro che li abbia affrontati in teatro) di Cecilia Bartoli sembrano a me come ad altri delineare una figura non proprio coerente con la freschezza e la femminilità insinuante di Norina.

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14038
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da mascherpa » 13 giu 2019 11:58

Giulio Santini ha scritto:
13 giu 2019 11:19
...arie eroiche per voce di castrato...
Me la vedo ancora davanti agli occhi quando cantò, sarà stato il Sette o l'Otto, l'aria di Sesto in un concerto a Lucerna. L'impressione globale che ne ritrassi non fu né eroica, né insinuante; ma quella d'una brava massaia con una pessima sarta. Fu quella, insomma, l'esecuzione di un'aria per... corno di bassetto con voce obbligata (senza dubbio anche grazie alla sarta di Sabine Meyer).

P.S. La prima volta l'avevo vista alla Scala in un Cosí fan tutte mutiano, negli early Nineties. Solo consultanto la locandina vent'anni dopo mi resi conto che era stato il mio "battesimo" con un futura celebrità di quel calibro.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

ZetaZeta
Messaggi: 644
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Bartoli per sempre

Messaggio da ZetaZeta » 13 giu 2019 13:13

mascherpa ha scritto:
13 giu 2019 11:58
La prima volta l'avevo vista alla Scala in un Cosí fan tutte mutiano, negli early Nineties. Solo consultanto la locandina vent'anni dopo mi resi conto che era stato il mio "battesimo" con un futura celebrità di quel calibro.
E io la prima volta come Zerlina nel Don Giovanni. Oggi come oggi penso che la sua voce sia più adatta a Vivaldi che a Donizetti; penso invece che certe sue istrionerie che tanto piacciono a qualcuno non siano adatte né all'uno né all'altro autore, tanto più in un'opera in cui i personaggi sono molto più sfaccettati dei "tipi" dell'opera buffa precedente.

Rispondi