Pagina 1 di 1

Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 06 giu 2019 11:19
da violamargherita
Ieri sera Plácido Domingo, al suo debutto alla Semperoper, si è ritirato dopo il primo atto di Nabucco per un raffreddamento. Ora è in hotel cercando di "salvare" le prossime due recite previste. Lo ha sostituito Markus Marquardt per il proseguo della rappresentazione. Dirigeva Omer Meir Wellber, Abigaille era Saioa Hernández.

Re: Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 06 giu 2019 16:36
da il_bonazzo
Non per ripetere sempre le stesse cose, ma un cantante che nella migliore delle ipotesi è del 1941 e canta da baritono solo perchè non ha più gli acuti che pure nel massimo splendore non erano mai stati granchè, ma che affidabilità può ancora dare?

Re: Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 06 giu 2019 16:56
da UltrasFolgoreVerano
il_bonazzo ha scritto:
06 giu 2019 16:36
Non per ripetere sempre le stesse cose, ma un cantante che nella migliore delle ipotesi è del 1941 e canta da baritono solo perchè non ha più gli acuti che pure nel massimo splendore non erano mai stati granchè, ma che affidabilità può ancora dare?
:clap:

Re: Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 06 giu 2019 17:56
da fracapi
il_bonazzo ha scritto:
06 giu 2019 16:36
Non per ripetere sempre le stesse cose, ma un cantante che nella migliore delle ipotesi è del 1941 e canta da baritono solo perchè non ha più gli acuti che pure nel massimo splendore non erano mai stati granchè, ma che affidabilità può ancora dare?
Finche' la gente paga per ascoltarlo il problema non e' suo...
Ho ascoltato varie volte Domingo dal vivo ( l'ultima a Milano in Samson e Dalila nel 2002 agli Arcimboldi ) e sempre mi son chiesto ( trovandolo generico in tutto e sublime in niente e perdipiu' con poco volume e scarsissimo e corto acuto ) che avesse per essere cosi famoso ed acclamato , Marzullianamente mi son dato una risposta : non ne capivo niente ! ma visto che i biglietti ( cari ) in platea per ascoltarlo non me li regalavano ..i soldi( miei ) ho preferito spenderli in altra maniera che mi desse piu' godimento che ascoltarlo.
Lui per me puo' cantare ancora altri 100 anni nei teatri ( anzi glielo auguro ) , ma pure se il biglietto costasse 1 euro non lo spenderei , altrettanto non lo spenderei ( visto che ne ho gia' speso parecchi con ugual risultato di Domingo ) per il crucco Kaufmann

Re: Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 06 giu 2019 21:17
da Puck
Ho ascoltato Domingo non più tardi di due mesi fa nel Boccanegra a Vienna. Non sapevo cosa aspettarmi, se un tenore sfiatato, una voce secca e vecchia, un sopravvissuto. Invece ne sono uscito molto colpito. È vero che non è un interprete geniale o musicalmente illuminante e che la voce non è quella di un baritono - anche se comunque conserva una freschezza stupefacente in rapporto all'età, qualunque essa sia - però è ancora magnetico. Sta sul palco e guardi solo lui, canta un duetto con Amelia che oggettivamente non è niente di speciale, perché arriva corto coi fiati e si mangia le parole, ma finisce e ti accorgi d'esserti commosso. È inspiegabile e lo dico da laico, non sono assolutamente un fan di Domingo. Pero capisco che muova ancora le folle.

Re: Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 06 giu 2019 21:19
da massenetiana
Avendo io 33 anni l'ho ascoltato e lo ascolto solo nei dischi e lo guardo nei DVD ed è uno dei miei cantanti preferiti, e sinceramente continuerei così, nel senso che oggi non andrei ad ascoltarlo, come baritono non mi piace, per me Domingo è e resta (un grandissimo) tenore.

Re: Dresda: Domingo interrompe "Nabucco"

Inviato: 07 giu 2019 00:11
da fracapi
massenetiana ha scritto:
06 giu 2019 21:19
Avendo io 33 anni l'ho ascoltato e lo ascolto solo nei dischi e lo guardo nei DVD ed è uno dei miei cantanti preferiti, e sinceramente continuerei così, nel senso che oggi non andrei ad ascoltarlo, come baritono non mi piace, per me Domingo è e resta (un grandissimo) tenore.
ecco la genialita' di Domingo : Il disco !
li in sala di registrazione , la sua voce flebile in teatro ( almeno alle mie orecchie ) diventa pastosa , il poco volume .. diventa torrente , vero e' che anche in disco l'acuto e' un po' ( solo in po' ) piu' lungo e luminoso , ma anche piu' nasale che dal vivo , mica i tecnici del suono possono fare tutti i miracoli contemporaneamente.. , ma geniali sono i dvd . In teatro vedi e non da lontano, ma tra le prime file della platea un signore che forse avrebbe bisogno di un po' di dieta .. sempre alla ricerca di una ostentata platealita' di gesti in stile toreador..ed in video con le opportune angolazioni un figurino con lo sguardo che tramortisce alla Rodolfo Valentino .. un concentrato di regia filmica che neppure Fellini e Spielberg messi insieme riuscirebbero a fare... pero' io non faccio testo ,come ho gia' detto sopra : non ne capisco nulla .