... intanto a Venezia

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28141
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

... intanto a Venezia

Messaggio da Tosca » 16 apr 2019 10:08

Valčuha e Čajkovskij alla Fenice: cronaca di un amore.
C'è la recensione in home page; condivisibile, come spesso accade.
Dal mio fortunato posto in "barcaccia" (bastano pochi attimi per tarare l'orecchio) ho potuto entrare dentro a quello che definisco "forse" il concerto più emozionante della mia vita.
Innanzi tutto veniva eseguito IL Concerto per violino di Čajkovskij, così bello oggettivamente e così amato grazie anche, non lo nego, al noto film che lo prende a pretesto per raccontare una storia triste e allegra.
Valčuha era stato chiamato a sostituire Temirkanov. Valčuha, e la mente va alla prima volta che l'ho sentito, in una Madama Butterfly al mai troppo rimpianto Comunale di Firenze, nel 2014. Tornai a casa stupefatta proprio per la direzione così scavata, violenta e tenera assieme. Di certo avevo udito cose che mai avevo udito e quelle cose mi avevano convinto.
Valery Sokolov è il solista chiamato per IL Concerto; bravissimo, seguito dall'orchestra il cui stato di assoluta grazia viene fuori già dalle prime note. Valčuha pare assecondare e l'uno e gli altri. Ha il volto sereno, disteso. Sono contenta, tutto va meglio delle mie previsioni; per esempio, mai come la sera del 12 aprile ho percepito la prepotente nostalgia, ripulita da eccessi glicemici, della Canzonetta.
Penso che il concerto sia improntato a una bella serenità che induce all'ascolto partecipato e rilassato, ma la bomba esplode, per me, già all'apparire del maestro per la Patetica; concentrato fin dal suo ingresso in sala, fronte corrugata, pronto a partire per un viaggio e intenzionato a portarci con sé.
Così è stato.
La mia ultima esperienze della Patetica era dovuta proprio a Temirkanov; eccellente, bellissima, con un'orchestra fantastica: la San Pietroburgo, a Salisburgo. Difficile pensare a qualcosa di meglio, eppure Valčuha è riuscito a coinvolgermi maggiormente. Potenza "anche" del posto, dell'essere "dentro" l'orchestra? Forse.
Certo che è stato come se mi si aprissero nuovi scorci, nuovi punti di vista e la straniante sensazione di sbirciare dal buco della chiave nella vita di Čajkovskij e di vedere l'Eugenio Onegin come attraverso un binocolo rovesciato. Una sensazione forse dovuta all'estrema pulizia di linguaggio dell'Orchestra della Fenice, concisa e minuziosa; fantastica anch'essa, appagante. Il viso del maestro era trasfigurato e non nego di aver pensato che tra Direttore e Orchestra possa scattare un feeling erotico ed io, ascoltatrice che gode delle emozioni effimere della musica, mi reputo fortunata quando posso riconoscere quest'intesa. Perché, come dice Conte, il Paolo, "niente di più seducente c'è di un'orchestra eccitata e ninfomane, chiusa nel golfo mistico che ribolle di tempesta e libertà".


Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14038
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da mascherpa » 16 apr 2019 10:23

Tosca ha scritto:
16 apr 2019 10:08
"...un'orchestra eccitata e ninfomane, chiusa nel golfo mistico...".
A scanso d'equivoci e con buona pace del Conte Paolo: non solo il "golfo mistico" della Fenice non è del tipo "chiuso" come a Beirut, ma venerdí scorso l'orchestra se ne stava bella comoda sul palcoscenico... :mrgreen:

N.B. "Il dottore è a Beirut": famosa risposta, un agosto di qualche decennio fa, della cameriera d'un amico di famiglia appassionato wagneriano. La stessa che, una volta, destò lo stupore generale prendendo alla lettera l'istruzione che "il pesce si serve con il limone in bocca" (per fortuna nessuno la istruí mai sul modo migliore di mescere lo champagne...).
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28141
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da Tosca » 16 apr 2019 10:43

Il Conte, Paolo, non quello di Siviglia, va citato ammodino.
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28141
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da Tosca » 16 apr 2019 11:33

Sabato 13 aprile al Conservatorio, che è a Palazzo Pisani.
Venezia è piena di eventi musicali, spesso meno conosciuti dei soliti noti e sponsorizzati ma sempre di qualità. Scoprimmo le "stagioni" del Conservatorio un paio di anni fa, quando venne eseguita l'integrale delle sonate beethoveniane per pianoforte: bellissima opportunità per cui Vittorio già spese parole di elogio (viewtopic.php?t=21972).
Palazzo Pisani pare una cittadella in cui si succedono scaloni, porteghi, cortili; è immenso e proprio sabato mi ha ricordato la Certosa di Padula in cui vennero ambientate alcune scene del film C'era una volta (bellissimo: Francesco Rosi con la Loren e il dottor Zivago).
Insomma, l'occasione per cui eravamo "a Palazzo" era il saggio annuale dell'Orchestra del Conservatorio, diretta dal maestro Maurizio Dini Ciacci.
In programma: le Chansons de Bilitis di Debussy, Pastorale d'été di Honegger, l'Ouverture in Do maggiore D 591 dell'amico Schubert e la Sinfonia n. 94 "La Sorpresa" di Haydn.
Un bel concerto, ben eseguito e a tratti entusiasmante, che alla fine ci ha fatto dire "Non sembra nemmeno di essere in Italia"...
Mi ha molto impressionato il maestro Dini Ciacci, che in modo colloquiale, spontaneo e diretto, ci ha presentato l'orchestra e il programma mostrando una notevole chiarezza di intenti e una grande intesa con gli strumentisti.
Devo dire che Debussy è venuto fuori molto bene, quasi snervato nella sua essenzialità dall'esecuzione precisa delle due flautiste e dei due arpisti (questi ultimi era la prima volta che si esibivano in pubblico); il maestro era alla celesta e la voce recitante annunziata era stata sostituita all'ultimissimo momento da una giovane francese "capitata lì per ascoltare le prove", ci dice Dini Ciacci, e cooptata anche se mai "aveva parlato di fronte a un pubblico".
La Pastorale d'été, scelta per l'assonanza con le Chansons, è stata ben interpretata così come l'ouverture di Schubert; per tutti i pezzi eseguiti c'è sempre stato l'immediato riconoscimento dell'autore.
Infine è stata davvero notevole La Sorpresa di Haydn, sia per la personalità del direttore (che l'ha portata a Rossini) che per la chiarezza interpretativa degli strumentisti.
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14038
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da mascherpa » 16 apr 2019 11:58

Tosca ha scritto:
16 apr 2019 11:33
...la voce recitante annunziata era stata sostituita all'ultimissimo momento...
Ci si potrebbe chiedere perché, non trattandosi non d'una "voce recitante" nel senso tecnico, cioè con interventi à melodrame o con lo Sprechton schönberghiano, ma che semplicemente declama le poesie di Louÿs durante pause della musica, non si sia preferito rinunziare alla lettura di esse. La risposta è ovvia: come avviene in qualche vecchia registrazione del Fidelio e della Zauberflöte (una delle quali celeberrima), dove per ovvi motivi di costo non erano inclusi dialoghi parlati, il significato drammatico della musica riuscirebbe snaturato dall'assenza delle giuste pause tra un pezzo e il successivo, con l'intervento d'un altro mezzo drammatico (la recitazione parlata).

Quindi ha fatto benissimo il maestro Dini Ciacci a ricorrere a una soluzione d'emergenza, dandone preciso e garbato avviso ai presenti. L'alternativa artisticamente corretta indicata da lui stesso prima del concerto sarebbe stata non d'eseguire la musica tutta di fila, ma di cancellarla completamente dal programma: a dànno non solo degli ascoltatori, ma anche dei quattro bravi allievi e allieve di flauto e arpa che s'erano preparati con grande impegno al loro saggio finale (chiunque abbia studiato uno strumento anche da modestissimo dilettante ricorda bene che valore abbia questo appuntamento).
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

albertoemme
Messaggi: 1048
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da albertoemme » 23 apr 2019 21:45

Una gradevole Dorilla in Tempe al Malibran. Fasolis è vivace come i bambini sui quattro/cinque anni e tra due pallonate e la merenda non ti fa dormire. Male vocalmente la Cirillo. La Custer è in disarmo ma la sua classe è sempre gradita. Corrette la Bove e la Valdes che purtroppo non dispone del trillo. Qualche buona idea del regista. Scene e costumi di adeguato livello. Finalmente un po’ di pubblico in questo gioiello di teatro.-

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28141
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da Tosca » 24 apr 2019 08:46

Alberto, non ci siamo visti!
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

albertoemme
Messaggi: 1048
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da albertoemme » 24 apr 2019 13:55

Ero in stivali ed eskimo e anche se non fossi corso subito in stazione, avresti incontrato un sottoprodotto della musicofilia. Lo so che la clemenza è regale virtù ma non mi avresti mai potuto perdonare questo look.-

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14038
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: ... intanto a Venezia

Messaggio da mascherpa » 25 apr 2019 09:25

albertoemme ha scritto:
24 apr 2019 13:55
...stivali ed eskimo... ...non mi avresti mai potuto perdonare questo look.
Lungi dal non perdonartelo, la "Tosca" te l'avrebbe visceralmente invidiato mentre percorreva indifesa i quattro metri dal gabbiotto dell'imbarcadero di San Zaccaria al natante che ci avrebbe riportato a Sant'Elena. Proprio allora s'era scatenato, infatti, uno spaventevole scravassón de piova e vento... E si sa bene che le signore, diversamente dal Bloch della Recherche, non "vivono mai così risolutamente fuori dalle contingenze atmosferiche, che i loro sensi non si curano di registrargliele".

Per fortuna lo scravassón fu di durata brevissima, e raggiunta Sant'Elena sbarcammo al canto spiegato di "tutto cangia, il ciel s'abbella".
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28141
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

La Dorilla in Tempe

Messaggio da Tosca » 29 apr 2019 11:20

"Allaconsolle-Die-go-Faso-lis! Allaconsolle-Die-go-Fasolis!"
:clap: :music: 8) :felice
Ecco, se dovessi scrivere un pezzo sulla Dorilla lo intitolerei Alla consolle Diego Fasolis. Perché a questo è andata la mia testa (per un solo attimo, lo giuro, ma c'è andata!) nel vedere il direttore in piedi, le mani sulla tastiera del clavicembalo, suonare e dirigere muovendosi a tempo, il volto felice per quello che stava facendo.
Dice fosse il 1999 quando questo pezzo spopolava tra i ragazzotti; mio figlio e i suoi amici a giornate sane, davanti a una tastiera scassata, frantumavano le orecchie, le teste e le idee, ritmando che un tale Mimmo Amerelli era alla consolle ... stunz stunz ... nonostante tutto era una faccenda piena di vivacità e di allegria e non credo di essere blasfema nel voler assimilare quella musica a questa.

Insomma, Diego Fasolis è stato, per me, protagonista ed elemento catalizzatore in uno spettacolo per cui nutrivo grandi aspettative, con ancora ben nitido il felice ricordo dell'Orlando furioso dello scorso anno di cui avevo ammirato incondizionatamente anche l'allestimento e la regia che, invece, mi hanno convinto poco in questa Dorilla: l'algida scena fissa, certo elegante, ha smosso assai poco la mia fantasia. Inutili, e talora irritanti, mi sono parse alcune gag e scialbo quel poco che poteva riferirsi alla spettacolarità delle "macchine sceniche" (tipo Apollo, nel finale, innalzato a mezz'aria). Molto ben realizzati i costumi anche se non avevo inteso alcuni riferimenti a certi film.
A tal proposito: in questa mia maturità da spettatrice leggo sempre meno le note di regia nei programmi di sala perché ritengo che lo spettacolo debba essere in grado di parlare da solo, spiegarmi una storia a me sconosciuta in modo chiaro, pur usando un linguaggio anche insolito. Qui, a essere sincera, non ho capito un acca di ciò che stava accadendo sul palco.
Resta comunque uno spettacolo a cui assistere per l'ottima resa musicale. Non sono una "barocchista" ma il suono dell'Orchestra m'è parso strepitoso e sono felice dell'idea “di dotare la Fenice di un complesso ‘storicamente informato’ che attinga il più possibile all’interesse e all’entusiasmo dei professori della sua orchestra e che si apra a collaborazioni con qualche specialista" (come dice Fasolis, in un'intervista).
Il tempo era inclemente, parecchi buchi in platea e dello scravassón de piova, tanto intenso quanto breve, ne ha già detto il Mascherpa.
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Rispondi