«Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Avatar utente
karalis
Messaggi: 541
Iscritto il: 06 nov 2010 16:35

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da karalis » 31 gen 2019 15:54

mascherpa ha scritto
E solo dopo un altro anno, nella Lucia triestina del febbraio 1999 con la Bonfadelli e di nuovo Oren sul podio, mi parve che l'impalcatura vocale di Álvarez fosse ormai compromessa. Leggo però, qui sopra, che in séguito seppe cantare ancora molto bene la parte.
A questo punto ho paura che Álvarez andasse a giornate ...



richidottore
Messaggi: 25
Iscritto il: 09 giu 2010 14:42

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da richidottore » 31 gen 2019 19:14

A Trieste fece oltre la citata Lucia tagliata come non mai un ottimo Werther

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 703
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da massenetiana » 31 gen 2019 20:09

Alvarez mi è sempre piaciuto moltissimo... lo vidi a Salerno nel 2011, fu un ottimo Cavaradossi nella Tosca con Bruson e la Serafin.
Adoro anche il suo Werther viennese del 2005, lo ritengo uno dei migliori Werther degli ultimi anni.
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13717
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da mascherpa » 01 feb 2019 13:03

richidottore ha scritto:
31 gen 2019 19:14
A Trieste fece oltre la citata Lucia tagliata come non mai un ottimo Werther
Fu qualche anno dopo, se non mi sbaglio, e non volli correre il rischio di rovinare il ricordo di Genova. Ora so che feci male.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
notung
Messaggi: 19381
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste
Contatta:

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da notung » 01 feb 2019 13:28

Per quello che vale la mia opinione, ecco un estratto dalla recensione del recital di Alvarez a Lubiana, nell'agosto scorso:
Personalità e comunicativa debordanti, qualche gigionata d’antan (nei tre bis), musicalità ancora immacolata: queste le caratteristiche che hanno accompagnato da sempre la ormai lunga carriera del tenore argentino. La voce è del tutto diversa dagli esordi, com’è logico che sia, ma conserva ancora quell’empatica solarità di timbro che la rende immediatamente riconoscibile: gli armonici si sono invece affievoliti, smagriti, un po’ come l’artista stesso che ha perso molti chilogrammi rispetto a pochi anni fa.
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

<<Sono responsabile di quello che dico non di quello che capiscono gli altri.>> Massimo Troisi, forse.

Kcil
Messaggi: 120
Iscritto il: 25 nov 2006 12:03

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da Kcil » 01 feb 2019 14:25

richidottore ha scritto:
31 gen 2019 19:14
A Trieste fece oltre la citata Lucia tagliata come non mai un ottimo Werther
Tagliata nè più nè meno di come hanno fatto tutti i direttori (anche i più grandi) fino a non molti decenni fa.

biancano
Messaggi: 103
Iscritto il: 07 dic 2014 13:32

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da biancano » 02 feb 2019 11:58

nel sito del teatro per due recite è già comparso il nome di Roberto Aronica

pbialetti
Messaggi: 433
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da pbialetti » 02 feb 2019 16:45

Alvarez sentito tre volte negli ultimi anni alla Deutsche Oper. Nel 2014 "Gioconda" mi aveva impressionato per slancio e bellezza del timbro. Un anno dopo nella Tosca mi aveva inorridito per abuso di falsetti e parlati vari. Infine nel 2017 Andrea Chenier, mi aveva confermato nella mia impressione di fondo su questo cantante: voce meravigliosa, potenzialmente grande personalità, rovinata da quella che sembra un'eccessiva preoccupazione nell'affrontare i passi più rischiosi, che lo porta a manovre poco ortodosse che finiscono per togliere naturalezza e a sminuire l'interprete. Insomma uno di quei cantanti che ti tengono sempre un po' sulle spine perché non si è del tutto sicuri che se la cavi.

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 13947
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da Tebaldiano » 03 feb 2019 02:13

pbialetti ha scritto:
02 feb 2019 16:45
Alvarez sentito tre volte negli ultimi anni alla Deutsche Oper. Nel 2014 "Gioconda" mi aveva impressionato per slancio e bellezza del timbro.
In Gioconda lo ascoltai l'anno prima a Parigi (qui la recensione che scrissi http://www.operaclick.com/recensioni/te ... a-gioconda ) e mi sorprese per una vocaltà ancora sicura, dopo una lunga e intensa carriera. L'ultimo ascolto in teatro risale al 2015 a New York, al debutto nel ruolo di Calaf, quando se la cavò ancora più che discretamente, pur evitando i do, persino quello obbligatorio, all'unisono col soprano.
Va per i 57 anni, che compirà il 27 di questo mese. Che non sia più quello degli anni migliori (e neppure quello di cinque anni fa) è da mettere in conto.
Immagine

fraaaa
Messaggi: 258
Iscritto il: 03 gen 2016 18:24

Re: «Manon Lescaut» 2019 alla Scala

Messaggio da fraaaa » 03 feb 2019 10:19

biancano ha scritto:
02 feb 2019 11:58
nel sito del teatro per due recite è già comparso il nome di Roberto Aronica
Peeche' "gia' "? Lo ricordo scritturato da tempo
Da qualche giorno hanno pubblicato le sue due o tre date

Rispondi