La rondine al Teatro del Maggio

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, Berlioz

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13198
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da mascherpa » 25 ott 2017 11:06

Tosca ha scritto:
mascherpa ha scritto: Che Puccini abbia dato voce, in quest'opera tarda, alla nostalgia della speranza inconfessabile che l'Elvira si togliesse d'intorno prima di restare incinta?
Qui mi pare, invece, che il tuo dire sia un po' azzardoso. Chi potrebbe mai sapere ciò?
Nessuno, ovviamente, nemmeno Puccini... almeno fino al giorno che il figlio suo e dell'Elvira fece galleggiare sul lago metà (il dorso, ovviamente) del violino che gli aveva regalato speranzoso.

E, del resto, qui non siamo mica a scuola: e chi non è azzardoso è sempre un po' noioso...


Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 27242
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da Tosca » 25 ott 2017 11:46

A proposito della Bakanova: incontrata mentre usciva dal teatro, m'è parsa una ragazza alla mano, fin troppo gentile con un ammiratore caciarone, invadente e nonproprioprofumato (forse, poverino, non aveva la testa a posto). Mi hanno colpito la sua grazia e semplicità, la figura esile, la pelle bianca: insomma, è proprio bellina.

Vorrei ricordare anche Stefano Antonucci, un artista che da sempre stimo per la sua garbata eleganza e per il suo senso della misura nello stare in scena. L'ho trovato un Rambaldo credibile ed elegante (scusate se mi ripeto), e questo non è poco, signori miei!
Immagine

Marilisa Marilì Lazzari

"Suzuki, il thè"

gabrieleburchi
Messaggi: 277
Iscritto il: 06 mag 2012 13:14

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da gabrieleburchi » 25 ott 2017 11:50

Puccini ebbe "l'occasione della vita" per togliersi dai piedi L'Elvira dopo il suicidio della servetta Doria, eppure la perdonò ed rimase con lei ( concedendosi non poche scappatelle nel frattempo) per tutta la breve vita. Forse una donna granitica, spigolosa, gelosa fino alla follia e, concedetemelo, parecchio brutta in vecchiaia, era l'unica che riusciva a far quadrare il mondo "non artistico" del nostro amato Puccini: meglio una donna caratterialmente insopportabile ma pratica per raddrizzare il mondo scoclusionato degli artisti!
I desideri sono i fiori dei vivi

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13198
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da mascherpa » 25 ott 2017 12:09

gabrieleburchi ha scritto:...il mondo sconclusionato degli artisti!
Non avevo mai immaginato che si possa considerare sconclusionato l'approccio pratico di Puccini all'esistenza: lo fu senza dubbio quello d'un Mozart e per certi aspetti quello d'un Wagner (la disinvoltura regale con cui lasciava in giro insoluti chilometrici potrebbe però indicare anche l'esatto contrario...), abbastanza quello di Beethoven, forse un tantino anche quello di Alban Berg, ma non mi pare che un Rossini, un Verdi, un Puccini non fossero dotati d'uno straordinario e molto italico senso pratico. E direi che comunque l'Elvira risultasse, proprio in questo, tanto dispersiva quanto costruttiva era stata la Strepponi. Per tacere dell'efficientissima Olympe Pélissier...

Per me, ai tempi della tragedia della Doria Manfredi, Puccini si dev'essere semplicemente detto: questa è l'occasione d'oro per mettere al suo posto l'Elvira una volta per tutte. Se la tiro fuori dal tribunale non mi romperà mai piú le scatole! (E cosí fu, infatti.)
T'immagini, poi, che cos'avrebbe detto «la gente» se lui avesse colto al volo l'occasione per sbarazzarsene?
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

gabrieleburchi
Messaggi: 277
Iscritto il: 06 mag 2012 13:14

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da gabrieleburchi » 25 ott 2017 12:43

Io me lo immagino bisognoso di conferme, sempre, e per questo bisognoso di una roccia ( e che roccia!) al suo fianco, questo almeno è quello che trapela da alcune lettere...sono semplici ipotesi, magari averlo conosciuto!
I desideri sono i fiori dei vivi

gabrieleburchi
Messaggi: 277
Iscritto il: 06 mag 2012 13:14

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da gabrieleburchi » 25 ott 2017 12:45

Tornando invece a La rondine, mi auguro che il successo fiorentino serva da volano affinché questa bella opera giri come merita.
I desideri sono i fiori dei vivi

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 27242
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da Tosca » 25 ott 2017 12:48

Immagine

Eccoli.
Immagine

Marilisa Marilì Lazzari

"Suzuki, il thè"

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13198
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da mascherpa » 25 ott 2017 12:54

gabrieleburchi ha scritto:...magari averlo conosciuto!
Sarò pessimista, ma credo che i grandi artisti sia quasi sempre meglio non conoscerli di persona...
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13198
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da mascherpa » 25 ott 2017 12:57

Tosca ha scritto:Immagine

Eccoli.
Montevideo 1905, se non mi ricordo male: alla povera Manfredi mancavano ancora anni, figurarsi dopo...
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 27242
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: La rondine al Teatro del Maggio

Messaggio da Tosca » 25 ott 2017 14:41

mascherpa ha scritto:
Tosca ha scritto:Immagine

Eccoli.
Montevideo 1905, se non mi ricordo male: alla povera Manfredi mancavano ancora anni, figurarsi dopo...
Montevideo, 1905, ricordi benissimo.
Immagine

Marilisa Marilì Lazzari

"Suzuki, il thè"

Rispondi