Esperienze surreali al Maggio Musicale

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Rispondi
Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 507
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Giulio Santini » 30 mag 2019 23:53

Tutte le volte al Maggio musicale ce ne sarebbe da raccontare una... stasera sono salito, dopo il concerto, sulla terrazza in fondo allo scalone laterale: tempo di montare e scendere, ed era calata una cortina di pannelli vetrati ad impedire l'uscita. A me e alla persona che mi accompagnava è toccato scavalcare alla meglio da un pertugio laterale, sotto gli sguardi attoniti degli astanti.



violamargherita
Messaggi: 1119
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da violamargherita » 31 mag 2019 07:01

Giulio Santini ha scritto:
30 mag 2019 23:53
Tutte le volte al Maggio musicale ce ne sarebbe da raccontare una... stasera sono salito, dopo il concerto, sulla terrazza in fondo allo scalone laterale: tempo di montare e scendere, ed era calata una cortina di pannelli vetrati ad impedire l'uscita. A me e alla persona che mi accompagnava è toccato scavalcare alla meglio da un pertugio laterale, sotto gli sguardi attoniti degli astanti.

marcob35
Messaggi: 284
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da marcob35 » 03 giu 2019 14:10

Odissea del 2 giugno

In contemporanea al Concerto Barenboim-Mehta, propgrammato già da almeno un anno, la zona attigua al Teatro è stata invasa da una affollatissima manifestazione di musica rock che ha praticamente sovrapposto gli arrivi di due tipi di pubblico (1800 persone al Comunale), ma tutti accomunati-nella maggioranza dall'uso irrinunciabile dell'auto.
Il cosiddetto Parco delle Cascine ma tutta un'ampia parte della città che vi gira attorno è restata letteralmente congestionata dal flusso d'auto e l'impossibilità di parcheggi.
Gli avvisi in tal senso sono certamente partiti dall'Ufficio Stampa del Comune di Firenze e ad esempio ripresi dalla stampa locale (il 31 maggio alle 15,48 [*].

Ma di fatto al Teatro del Maggio forte è stato il numero di ritardatari forzati, che hanno perso una parte del programma, malgrado un intervallo extra di 10' per il cambio di orchestra e la solerzia del personale di sala che ha inviato nei palchi inferiori il pubblico mal arrivato a destinazione.

In un'altra occasione di "congestione" il Teatro aveva fatto un proprio avviso, sito e oltre, per render conto della situazione e conseguentemente far prendere provvedimenti propri al suo pubblico, cosa che non risulta sia avvenuta stavolta e che poco costa (o se "costa" la si fa ugualmente). Certo: la gente dovrebbe imparare ad usare quello che a Milano chiamiamo "tram" e qui si ostinano a indicare come "tramvia" e i soliti discorsi.
Fra le preoccupazioni, le pie intenzioni di primeggiare del Signor Sindaco neo-rieletto, violinista e musicista raffinato (certamente amante-speriamo almeno-della musica), oltre alle belle allocuzioni con tanto di Inno nazionale, andrebbe posto pure il problema di cui stiamo trattando, nato del resto, allorché-a suo tempo-qualcun altro decise come nuovo loco del fresco teatro, lo spazio poi utilizzato.

In ogni caso-l'info da parte dell'Ufficio Stampa del Teatro-poteva essere provvidenziale (anche con mail a pioggia; sai che fatica...)-ed ancora una volta (dopo lo scivolone del manifestone senza Carlos) il suddetto Ufficio ritonfa e ben si qualifica.

[*] per esempio: https://www.gonews.it/2019/05/31/concer ... -mobilita/
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

marcob35
Messaggi: 284
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da marcob35 » 04 giu 2019 17:04

marcob35 ha scritto:
03 giu 2019 14:10
... la gente dovrebbe imparare ad usare quello che a Milano chiamiamo "tram" e qui si ostinano a indicare come "tramvia" e i soliti discorsi.
Appunto, chiamatelo come volete (meglio "tram") ma usatelo: :arrow:

https://drive.google.com/file/d/1fz0r0y ... sp=sharing
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

Lachera
Messaggi: 8
Iscritto il: 26 gen 2019 21:08

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Lachera » 04 giu 2019 22:36

Le scale della terrazza devono servire come uscita d'emergenza della galleria. Ora, nelle intenzioni del progettista la terrazza doveva rimanere sempre sempre aperta al pubblico ed ai frequentatori della piazza e così era all'inizio. Dato però che la terrazza veniva vandalizzata sia volontariamente che involontariamente (in particolare dai ragazzi che scendevano le scale in monopattino spaccando la copertura dei gradini), ed occasionalmente vi si svolgevano attività poco raccomandabili, il comune ha deciso di chiudere l'accesso con i pannelli di vetro, che vengono aperti solo in corrispondenza degli spettacoli, per consentire l'uso di emergenza. Al termine degli spettacoli il personale di sicurezza richiude i pannelli.

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 507
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Giulio Santini » 04 giu 2019 22:58

Benissimo e davvero grazie del chiarimento: spiace dover constatare che le terrazze sono ugualmente ben degradate e piene di immondizia e considerare come uno potrebbe anche non sapere che vengono chiuse, di talché sarebbe buona norma accertarsi che venti minuti dopo lo spettacolo (non dopo un'ora) siano sgombre... se fossi stato una persona anziana o molto sovrappeso avrei dovuto chiamare qualcuno ad aprirmi.

Lachera
Messaggi: 8
Iscritto il: 26 gen 2019 21:08

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Lachera » 06 giu 2019 22:53

talché sarebbe buona norma accertarsi che venti minuti dopo lo spettacolo (non dopo un'ora) siano sgombre
E' più facile a dirsi che a farsi, considerato che si può arrivare anche alla terrazza posteriore. Sopra il tetto dell'auditorium incompiuto, poi, ci sarebbe addirittura un labirinto ornamentale al presente sbarrato. Siccome il teatro è una delle poche architetture di Firenze che abbia una connotazione contemporanea, la sua terrazza veniva presa d'assalto dai fotografi dilettanti che l'usavano come sfondo per i ritratti; la sua chiusura con i pannelli di vetro ha provocato più di una protesta, che come al solito i vandali hanno più potere di chi usa correttamente le strutture.

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 507
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Giulio Santini » 06 giu 2019 23:09

Lachera ha scritto:
06 giu 2019 22:53

E' più facile a dirsi che a farsi, considerato che si può arrivare anche alla terrazza posteriore.
Essendo io un distratto cronico confido allora che ci fosse un cartello di divieto di accesso in salita e di non averlo notato.

Hobbes69
Messaggi: 1
Iscritto il: 26 gen 2019 15:15

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Hobbes69 » 08 giu 2019 12:43

Giulio Santini ha scritto:
06 giu 2019 23:09
Lachera ha scritto:
06 giu 2019 22:53

E' più facile a dirsi che a farsi, considerato che si può arrivare anche alla terrazza posteriore.
Essendo io un distratto cronico confido allora che ci fosse un cartello di divieto di accesso in salita e di non averlo notato.
Quindi Lei, invece di uscire da dove è entrato, l'ingresso principale, ha preso una via di fuga della galleria per andarsene a fare due passi in terrazza. Mancherà forse della cartellonistica, ma veda, si spera sempre nel buon senso delle persone!

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 507
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Giulio Santini » 08 giu 2019 13:01

Mi fa piacere che dei nuovi utenti trovino occasione di intervenire apposta per un mio racconto scherzoso (come tale accolto da altri) che peraltro non invocava, come talora qui si usa fare, alcuna responsabilità specifica in capo al personale del Maggio musicale fiorentino né sosteneva che esso abbia mancato di professionalità.
Come si vede nella foto - come vi è noto - il Teatro del Maggio ha uno scalone monumentale alla destra di chi entra, che non sembra affatto una scala di emergenza e che ai frequentatori non abituali poteva ricordare il fatto che appunto fosse praticabile e desse accesso alle terrazze, consentendo poi la discesa. Dopo lo spettacolo, dopo essere uscito ovviamente dalla porta di fronte (peraltro ero in platea), sono salito per ingannare il tempo in attesa del mio treno. Sulla mia prudenza e buonsenso non scommetterei mezza lira (ma sono adesso confermato del fatto che indicazioni non ce n'erano); su quella di chi mi accompagnava, e anche di altre persone che mi pare ci siano rimaste, potrei pensarla diversamente.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Rispondi