Esperienze surreali al Maggio Musicale

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Rispondi
didier
Messaggi: 57
Iscritto il: 01 set 2010 19:55

Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da didier » 01 dic 2011 19:20

Proteste Maggio Musicale
Allego qui la lettera che l'amico Salvatore Salcas Aquilina ha scritto su Facebook rivolgendosi a Renzi e, subito dopo, la mia esperienza surreale di ieri in Biglietteria con cui ho commentato il suo post.
Salvatore S. Aquilina:
"Mi rivolgo al sindaco Renzi da questa pagina, rispettando infinitamente la cortesia e la gentilezza dei dipendenti del Maggio Musicale Fiorentino, ma disapprovando la gestione che la Sovrintendente Colombo ha avuto in questi ultimi anni.
"Caro Sindaco Renzi, molti ragazzi che come me hanno la MaggioCard rischiano di non assistere quest'anno all'inaugurazione del Nuovo Teatro dell'Opera di Firenze perché il 21 ci saranno istituzioni varie e gli abbonati che come si sa sono quasi tutti ottuagenari ed hanno il diritto di prelazione sulla vendita dei biglietti (giustamente per altro e beati loro che possono permettersi l'abbonamento annuale; faccio un discorso anagrafico dato che il nostro amato sindaco è affezionato a questo dato). Se restassero posti, forse... ma forse... avremo diritto ad acquistare i nostri biglietti per il concerto inaugurale e per quello di Abbado del 23 al prezzo MaggioCard. Voglio proprio vederla la platea e il pubblico tutto del 21 e del 23 p.v. Con un sindaco che come Lei si professa rottamotore, una sovrintendente che è ai Suoi servigi, un Presidente della Repubblica ed i Mastri Abbado e Mehta che da sempre hanno invitato alla diffusione della cultura fra i più giovani e che si ritroveranno con una platea di soliti volti istituzionali e gente invitata ai quali della bellezza della musica probabilmente importa poco. Oggi, solo oggi, la direzione ha cambiato idea sulla vendita dei biglietti MaggioCard e quindi i ragazzi sino a 26 anni hanno fatto una coda lunga ore ed ore per ritrovarsi col nulla in mano. Che faremo? Staremo fuori o dovremo sborsare cifre esose per acquistare un biglietto. La nuova generazione che avanza? Non voleva rottamare tutti e tutto per un ricambio generazionale? Potremmo fare che i 100 e passa giovani iscritti al programma MaggioCard scrivano direttamente al Presidente della Repubblica, che probabilmente sarà presente, ai Maestri Mehta ed Abbado per assistere ai loro concerti e su come Lei e la dott.ssa Colombo state gestendo penosamente il Maggio Musicale Fiorentino e vediamo se per loro Santa Intercessione riusciamo a goderci la loro arte. Tanto gente come Lei, seppur giovane, dopo il primo atto/tempo va via. Non vorrei che l'Orchestra e i Maestri restassero con una platea semivuota perché stampa ed autorità dopo i dovuti convenevoli fuggono! Noi, di solito, restiamo sino a chiederne il bis.
Cordialmente.
Un giovane appassionato di musica."
Il mio messaggio di risposta:
"Bravo!la prima lettera intelligente tra tante polemiche che restano sterili spesso e inutili. Non ti conosco ma mi unisco a te, io mi interesso all'opera ed anch'io ho avuto ieri un'esperienza simile; intanto, devo dirlo, in biglietteria è presente una persona che si rivolge in modo sgarbato e ignorante e che mi ha sonoramente trattato da imbecille solo perchè ho chiesto se davvero con le Maggiocard non potessi acquistare, come tutti i sacrosanti anni passati, i biglietti per le Prime. Da parte di questa persona sono state rivolte nei miei confronti, e ricordo che sono un cliente, parole ignoranti tipo "hai rotto i parola non permessa, sei sempre te che fai casino" quando io è da un anno che non metto piede in biglietteria e poi penso di essere una delle persone che più da rispetto agli altri, e non mi lamento mai delle file e della disorganizzazione che regna sovrana (come fanno in tanti, e giustamente). Dopo questa surreale discussione a senso unico, ho chiesto se dato che questa persona è dall'altra parte di un banco di legno, non fosse il caso di trattare i clienti come meritano, ricordo che Pago i biglietti e non mi vengono regalati, in più ora la platea costa 15 e le gallerie 10, senza differenza, la seconda dovrebbe costare 5. Dopo questo ho chiesto i biglietti per la Bolena del 24 febbraio che era segnata per le ore 18 su tutti i programmi stampati, tuttavia sono stato corretto su questo perchè l'inserviente gentile che serviva me, non l'altra persona scortese, mi ha detto di vedere scritto sul computer che era alle 20 e 30, da qui telefonate e discorsi vari, ma non mi cambia più di tanto l'orario, è solo un'altra mancanza. Poi l'ultima scioccante notizia: TURANDOT. L'opera dovrebbe inaugurare il NUovo Teatro dell'Opera di Firenze, a novembre/dicembre prossimi, per la prima non si parla di biglietti ma pe rle repliche me ne sono presi 4. Cosa scoprono gli inservienti della biglietteria? una cosa che mi era stata riferita dalla maschera poco prima in fila, i biglietti pe rTurandot vengono messi in vendita si già da ora ma sulla pianta del Comunale perchè non è disponibile ancora la pianta del Teatro Nuovo; ora quello nuovo a quel che mi hanno detto ieri in biglietteria, dovrebbe avere meno posti e allora mi chiedo se pe runa recita vendono che so, 2300 biglietti ma il teatro conta solo 2000 posti a sedere, quelle trecento persone dove le mandano? telefonano per far portare le seggiole da casa? e poi per concludere mi hanno detto che non sanno neanche se il teatro verrà inaugurato, in tal caso la Turandot si terrà al Comunale. Con buona pace della Sovrintendente Colombo io le vorrei dire che, da dirigente del Teatro quale è, dovrebbe essere più presente in queste piccole ma a questo punto non poco importanti situazioni per capire di che cosa ha bisogno il Nostro Teatro che forse ha scambiato per Suo. Si parla tanto del Comunale e del Nuovo Teatro e poi ci sono errori madornali, cose sapute da alcuni e da altri no cosicchè un'ora è il tempo che si impiega per comperare dieci biglietti. Ci vuole organizzazione capillare e diramazione delle notizie interne in tempo rapido a tutti gli impiegati che in un modo o nell'altro si debbano rivolgere al pubblico. Essere trattato da cretino in biglietteria è stata la cosa più squallida che mai mi sia capitata, per giunta io avevo chiesto una cosa in maniera rispettosa come deve un qualsiasi cliente. Sarei stato tentato di far chiamare qualcuno dalla direzione, ma forse non mi avrebbero ascoltato. Diffonderò comunque questa esperienza, perchè oltre alla disorganizzazione non mi va di sentirmi trattare così da una persona che mi dovrebbe il massimo rispetto, così come lo ho per il suo lavoro e per l'istituzione teatrale". Fate girare, leggete e commentate, Grazie per l'attenzione.



Avatar utente
manrico64
Site Admin
Messaggi: 18203
Iscritto il: 10 lug 2001 23:31
Contatta:

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da manrico64 » 01 dic 2011 21:08

hai riportato nome e cognome del tuo amico ma ti sei dimenticato, alla fine, di aggiungere il tuo.
Danilo

didier
Messaggi: 57
Iscritto il: 01 set 2010 19:55

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da didier » 01 dic 2011 22:00

Mi scuso, avevo l'impressione di aver dimenticato qualcosa: Didier Pieri

antuan
Messaggi: 1997
Iscritto il: 15 dic 2002 18:06
Località: Montecatini Terme
Contatta:

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da antuan » 02 dic 2011 00:40

A prescindere che hai ragione da vendere sulla situazione della biglietteria del MMF...
non sono d'accordo sui biglietti per la serata inaugurale. già i prezzi sono stati tenuti molto bassi per un evento del genere: per Abbado solo 150 euro in platea, quando si paga 2000 euro per una semplice inaugurazione della Scala. Ma ve ne rendete conto che qui si sta parlando dell'apertura assoluta di un grande teatro? si tratta di una sola serata e basta. non accadrà mai più! quindi chi ci vuole andare (e non lo ordina il dottore di andare alla prima) deve pagare. altrimenti va alla seconda. che male c'è? Questa smania dello sconto a tutti i costi proprio non la capisco. e in un momento drammatico come questo poi.... ma lascia che chi vuol pagare si paghi profumatamente il suo biglietto godendosi giustamente la sua prima... e tu vai con il biglietto da studente alla seconda. Avete mai visto nessuno stracciarsi le vesti per i prezzi della serata di santambrogio della scala?
c'era un vecchio detto che diceva "chi vuol Cristo se lo preghi" e qui si può tradurre benissimo così: :D chi vuol la sua prima se la paghi....

detto questo condivido le critiche alla disorganizzazione un po' troppo sopra le righe del "mio" teatro.
P.S.: non andrò alla prima ma stamani mi sono comprato e pagato il biglietto per il concerto di Abbado pagando appunto la cifra di euro 165,00. e mi sembra una cifra più che giusta dato l'evento. Se penso che alla scala per santambrogio i posti in piedi venduti last minute costano euro 50,00......

ugo54
Messaggi: 1997
Iscritto il: 19 dic 2002 19:22

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da ugo54 » 02 dic 2011 11:02

Ma è la Scala, cher Antuan,
noi la saliamo anche nei prezzi 8)

Avatar utente
Berlioz
Messaggi: 22037
Iscritto il: 03 giu 2003 11:36
Località: Amsterdam

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Berlioz » 02 dic 2011 11:38

La maleducazione degli impiegati alla biglietteria del Comunale e' proverbiale...
Al sesso non si applica il Principio di Esclusione di Pauli.

Avatar utente
dadeluna
Messaggi: 3231
Iscritto il: 25 set 2002 11:27
Località: Viareggio (Versilia, Toscana, Italia)

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da dadeluna » 02 dic 2011 13:41

Quel che dice Antuàn è da me perfettamente condiviso.
I giovani vadano alla prima in loggione (in galleria, nel caso), ché i biglietti di platea son da vandere a caro prezzo, o alle repliche che son pure migliori!
La Scala costa molto, ma i suoi prezzi mi sembrano commisurati a quelli dei grandi eventi degli altri grandi teatri europei.
Siccome in uno degli ultimi pacchetti legge (credo l'ultimo) fatto approvare dal Governo Berlusconi ce n'era anche uno che riguarda esplicitamente i trasferimenti dai vari uffici comunali senza il benestare dei sindacati (che regolarmente hanno difeso i privilegi e non i diritti dei lavoratori), toccherebbe certo alla direzione del teatro mandare via i cafoni dalle biglietterie del Maggio e restituirli a incarichi propri (tipo manutenzione parchi e giardini o raccolta nettezza urbana) e mandare alle biglietterie giovani che parlino le lingue e che abbiano disposizione al pubblico!
Possono farlo ora. Che lo facciano, questi dirigenti che prendono decine di migliaia di euro l'anno e che non è mai colpa loro!
Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti (Martin Luther King)

Avatar utente
manrico64
Site Admin
Messaggi: 18203
Iscritto il: 10 lug 2001 23:31
Contatta:

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da manrico64 » 02 dic 2011 14:50

sono d'accordo con Antuan e David
Danilo

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16487
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 03 dic 2011 17:46

manrico64 ha scritto:sono d'accordo con Antuan e David
'azz, sono d'accordo anch'io con David! Che mi sta succedendo? :thud

Avatar utente
Berlioz
Messaggi: 22037
Iscritto il: 03 giu 2003 11:36
Località: Amsterdam

Re: Esperienze surreali al Maggio Musicale

Messaggio da Berlioz » 04 dic 2011 15:49

Io non ci farei la bocca la concerto di Abbado.

Il Dvino Claudio sta imponendo condizoni per la sua presenza quali la sostituzione delle prime parti dell'orchestra coi suoi musicisti con un cachet per concerto pari a due mensilità di uno strumentisita di fila dell'orchestra del maggio, prtendendo inoltre che l' orchestra si trasferisca Bologna per le prove perché lui si rifiuta di andara a provare a Firenze.

Trovo tutto questo non solo umiliante nei confronti del Maggio, ma anche totalmente inappropriato nel momento in cui il Teatro per andare avanti ha dovuto mettere le mani in tasca ai dipendenti.

Personalmente approvo la liena dura di parte delle maestranze: se queste rimanessero le condizioni per avere abbado, per me potrebbe starsene tranquillamente a casa sua in svizzera.
Al sesso non si applica il Principio di Esclusione di Pauli.

Rispondi