Carmen al Coccia di Novara

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...

Moderatori: il_bonazzo, paperino, Berlioz

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda notung » 13 ott 2017 13:32

Manrico80 ha scritto:Recensioni di altri siti analoghi a questo non sono state altrettanto positive.


Manrico80 questo l’hai scritto tu e da questa tua considerazione è poi nata la discussione.
Mariocavaradossi ti ha dato il benvenuto e ora lo faccio volentieri anch’io.
Non mi pare, sinceramente, che le tue sacrosante opinioni siano state accolte in modo poco democratico. Sono state discusse, come è normale che si faccia in un forum che peraltro tu stesso hai detto di conoscere da molto tempo e quindi bene.
Ciao!
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

«Sappi, Sancio, che un uomo non vale più d’un altro se non fa più d’un altro.» Don Chisciotte, Miguel de Cervantes.
Avatar utente
notung
 
Messaggi: 18349
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda Manrico80 » 13 ott 2017 13:39

Dire che altre recensioni sono meno positive non credo corrisponda ad un insulto in nessun modo...
Manrico80
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 10 ott 2017 14:58

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda notung » 13 ott 2017 13:46

Manrico80 ha scritto:Dire che altre recensioni sono meno positive non credo corrisponda ad un insulto in nessun modo...


Ma qualcuno ti ha accusato di insulto? Boh. Forse mi è sfuggito qualcosa...e sulle recensioni insisto, l'unica riportata non diverge nella sostanza da quella di OperaClick. Altre, pur evocate, per ora non ne vedo.
Ne trarrà gran beneficio GBOpera che si vedrà sommersa di click inusuali, questo è poco ma sicuro :wink:
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

«Sappi, Sancio, che un uomo non vale più d’un altro se non fa più d’un altro.» Don Chisciotte, Miguel de Cervantes.
Avatar utente
notung
 
Messaggi: 18349
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda otello81 » 13 ott 2017 13:53

Scusate però non capisco una cosa...è stato fatto notare che uno spettacolo andatao in scena al Coccia e di cui siamo stati testimoni oculari non ha avuto caratteri di merito così elevati come quelli fatti percepire dalla recensione...ora mi domando..come mai non si vuole accettare che punti di vista di spettatori (paganti) possano essere diversi da quelli del "recensore". La tanto citata Scala raccoglie critiche a mani piene spesso e volentieri e nessuno corre a difenderla senza se e senza ma. Si è poi fatto notare che altri siti, la già citata GBopera, ha avuto carattere meno entusiasta (che non significa ne abbia opinione contraria a quella in HP) e anche in questo caso si è voluto sottintendere che non era il caso di fare appunti sullo spettacolo. Ma quel che mi chiedo io è, nel massimo rispetto delle opinioni di ciascuno, ma poter affermare che 32 euro per un loggione nel vedere questa Carmen non hanno dato la stessa soddisfazione che vedere Netrebko in Traviata a Milano oppure Florez in Werther a Bologna (lì in loggione ben 10 euro) è poi così fuori luogo?
Grazie a tutti per l'attenzione!
otello81
 
Messaggi: 97
Iscritto il: 16 ago 2013 15:23

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda mariocavaradossi » 13 ott 2017 13:56

Manrico80 ha scritto:Le mie “evidenti lacune” si riferiscono solo ed eventualmente ad un caso, quello di pagliacci che posso non avere visto, sugli altri esempi c’è da dibattere. Barbiere e Contes erano produzioni dell’accademia è come tale giustamente accolte da un pur tiepido applauso di incoraggiamento. Ritengo un esempio poco calzante. Alla Lucia che avevo visto in domenicale non ricordo contestazioni, per il macbeth qualche timido fischio per una regia, a mio avviso pure bella. Io non ho mai comunque fatto riferimenti specifici alla recensione del sito, se è questo che preme. Mi sono limitato ai pareri del forum e alla mia impresssione che è stata accolta in modo molto poco democratico da alcuni di voi.


Ecco allora gli esempi sopra citati bastano a contraddire la tua affermazione che il pubblico del Coccia dispensi applausi copiosi a chiunque.
Se in questi ultimi anni il pubblico è tornato a riempire il teatro e a festeggiare in modo molto caloroso le opere che vi vengono rappresentate avrà I suoi buoni motivi come tu hai I tuoi per non tornarci.
Come ha giustamente 'notato notung' la discussione è partita anche da alcune tue considerazioni che se permetti chiunque ha il diritto di controbattere.
Questo sì che è democratico.
mariocavaradossi
 
Messaggi: 571
Iscritto il: 14 giu 2004 16:52
Località: milano

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda notung » 13 ott 2017 14:15

otello81 ha scritto:è stato fatto notare che uno spettacolo andatao in scena al Coccia e di cui siamo stati testimoni oculari non ha avuto caratteri di merito così elevati come quelli fatti percepire dalla recensione...ora mi domando..come mai non si vuole accettare che punti di vista di spettatori (paganti) possano essere diversi da quelli del "recensore".


Beh, se per suffragare il vostro parere citate recensioni (recensione, in realtà) di altri siti (sito) è chiaro che chi ha la responsabilità (io) delle recensioni di OperaClick faccia le pulci (relativamente) alla recensione che a voi pare esemplare.
Quindi non si tratta solo di pareri diversi tra forumisti: il retrogusto è quello di un confronto tra recensioni che vi porta alla conclusione - che definirò democraticamente discutibile - che quella di GBOpera sia più realistica di quella di OperaClick. Il che potrebbe significare, al lettore disattento e superficiale, che uno dei due siti sia più attendibile dell'altro.
Ma, ripeto, il fatto non sussiste perché le due cronache della serate, a livello di opinioni, si equivalgono.
Inoltre, come succede con i cantanti e gli artisti in genere, gli spettatori e i finanziamenti ai teatri si ripropone una versione for dummies del paradosso quantistico del gatto di Schrödinger: oggi il gatto è attendibile, tra un attimo non lo è più e poi è di nuovo attendibile, in un infinito rincorrersi di apparizioni e sparizioni che portano ai cunicoli spazio temporali di Nolan o di Philip Dick (di cui non posso fare a meno di ricordare l'immortale Confessioni di un artista di merd.a, libro indispensabile).
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

«Sappi, Sancio, che un uomo non vale più d’un altro se non fa più d’un altro.» Don Chisciotte, Miguel de Cervantes.
Avatar utente
notung
 
Messaggi: 18349
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda mario » 13 ott 2017 14:23

otello81 ha scritto:Scusate però non capisco una cosa...è stato fatto notare che uno spettacolo andatao in scena al Coccia e di cui siamo stati testimoni oculari non ha avuto caratteri di merito così elevati come quelli fatti percepire dalla recensione...ora mi domando..come mai non si vuole accettare che punti di vista di spettatori (paganti) possano essere diversi da quelli del "recensore". La tanto citata Scala raccoglie critiche a mani piene spesso e volentieri e nessuno corre a difenderla senza se e senza ma. Si è poi fatto notare che altri siti, la già citata GBopera, ha avuto carattere meno entusiasta (che non significa ne abbia opinione contraria a quella in HP) e anche in questo caso si è voluto sottintendere che non era il caso di fare appunti sullo spettacolo. Ma quel che mi chiedo io è, nel massimo rispetto delle opinioni di ciascuno, ma poter affermare che 32 euro per un loggione nel vedere questa Carmen non hanno dato la stessa soddisfazione che vedere Netrebko in Traviata a Milano oppure Florez in Werther a Bologna (lì in loggione ben 10 euro) è poi così fuori luogo?
Grazie a tutti per l'attenzione!


scusa, però definire elevati i prezzi del Coccia mi sembra molto opinabile.
Si parla di una Platea con prezzo massimi a 62 euro e un loggione con prezzo massimo a 40 euro. A me per un'opera sembrano prezzi molto ridotti. Prendiamo le opere barocche del litta a Milano, il prezzo andava da 50 a 150 euro.
Guardiamo i prezzi medi, non i prezzi minimi, perchè la Scala avrà anche posti che costano meno ma 1) sono pochissimi, poche decine 2) non permettono di vedere in modo ottimale lo spettacolo 3) sono sempre esauriti

La qualità è anche correlata anche agli investimenti realizzabili, non penso che il Coccia abbia i mezzi per permettersi cantanti del calibro di Florez e della Netrebko, "poter affermare che 32 euro per un loggione nel vedere questa Carmen non hanno dato la stessa soddisfazione che vedere Netrebko in Traviata a Milano oppure Florez in Werther a Bologna (lì in loggione ben 10 euro) non è fuori luogo, è ovvio, lo potresti dire per qualsiasi spettacolo del Coccia, anche quelli meglio riusciti.

La cosa meno ovvia è però che al Coccia hanno fatto negli ultimi anni spettacoli che secondo me sono riusciti meglio di alcuni spettacoli scaligeri (ad esempio Macbeth, Norma e Aida al Coccia e Don Giovanni (la recita che ho visto io era sotto il limite della decenza), Ballo in Maschera e Flauto Magico alla Scala)
mario
 
Messaggi: 732
Iscritto il: 05 ago 2010 12:06
Località: Linbiate (MB)

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda mascherpa » 13 ott 2017 14:37

Manrico80 ha scritto:...la mia impressione ... è stata accolta in modo molto poco democratico da alcuni di voi.

Sempre nell'ottica di capire quel che dite e perché, e sempre volendo e dovendo restare al di fuori del merito del contendere, mi trovo completamente disarmato di fronte al concetto d'impressione accolta in modo piú o meno democratico. Per me può voler dire, in senso proprio, che è stato accettata o no una richiesta di metterla ai voti (che in questo caso sarebbe stata assurda e ovviamente non c'è stata), oppure che è stata o no riconosciuta la possibilità d'esporne adeguatamente le motivazioni, che in questo caso c'è evidentemente stata e continua a pienamente a esserci.
Altre ipotesi, che m'inquietano, sono che si consideri "accoglienza democratica" ricevere il semplice riconoscimento che il nostro oppositore ha meno ragioni di noi, oppure il verificarsi d'inopinate adesioni di tono plebiscitario, meglio se accompagnate da grida di crucifige, tutti fenomeni che a mio parere sono l'opposto di qualsiasi metodo democratico e che spero nessuno voglia invocare in queste sedi.

Insomma, secondo me è sempre bene ricordare che un certo accanimento sia nel controbattere, sia nel ribadire significa in primo luogo prendere sul serio le opinioni altrui.
Il quartetto è la forma più alta di democrazia (Angelo Zanin, Quartetto di Venezia)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;
Avatar utente
mascherpa
 
Messaggi: 13184
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda Manrico80 » 13 ott 2017 14:55

Democratico sarebbe stato semplicemente prendere atto delle mie considerazioni, valutarle per conto proprio come giuste o meno ed il mio intervento si sarebbe risolto con il primo post pubblicato. Invece c’è stata una vera e propria levata di scudi contro la mia opinione è quella similare di Otello. Assolutamente ingiustificata ed antidemocratica. Ribadisco la mia visione.
Manrico80
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 10 ott 2017 14:58

Re: Carmen al Coccia di Novara

Messaggioda mariocavaradossi » 13 ott 2017 15:25

Manrico80 ha scritto:Democratico sarebbe stato semplicemente prendere atto delle mie considerazioni, valutarle per conto proprio come giuste o meno ed il mio intervento si sarebbe risolto con il primo post pubblicato. Invece c’è stata una vera e propria levata di scudi contro la mia opinione è quella similare di Otello. Assolutamente ingiustificata ed antidemocratica. Ribadisco la mia visione.


Valutarle come giuste sarebbe stato democratico.
Siccome sono invece state discusse in modo per altro civile come accade sempre su un forum, allora siamo antidemocratici
Vorrei ricordare che questo è un forum, non il confessionale del grande fratello...
mariocavaradossi
 
Messaggi: 571
Iscritto il: 14 giu 2004 16:52
Località: milano

PrecedenteProssimo

Torna a Parliamo d'OPERA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: juananmat e 6 ospiti